2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

17.4.13

Padak (Pa-dak Pa-dak, 2012)
di Dae-hee Lee

FUTURE FILM FESTIVAL
CONCORSO

PUBBLICATO SU 
"Alla Pixar non hanno capito un cazzo!". In ogni scena, in ogni momento il film di Dae-hee Lee sembra dire questo, urlando fortissimo! E ci mette un film intero per dimostrarlo. Alla fine, con tutto l'amore per la Pixar e per Alla ricerca di Nemo (il cui statuto di capolavoro ovviamente non viene intaccato da un altro capolavoro di segno opposto), non si può non dare ragione anche a Dae-hee Lee e alla sua visione mista di violenza e poesia.
Padak racconta di pesci in un acquario, del microcosmo che si crea tra di loro, dei tentativi di fuga e delle dinamiche di affezione in uno spazio ristretto. E' palesemente la stessa materia che il film Pixar tratta per almeno metà della sua durata. Lo sappiamo noi, lo sa l'autore e proprio da questa consapevolezza si muove per cambiare le carte in tavola e mostrare che quell'ambiente, quei personaggi e quella situazione non sono divertenti, non sono simpatici, non sono eroici ma anzi è una tragedia immensa, la cosa peggiore che possa accadere ad un essere vivente.

La più grande differenza di partenza tra Padak e Nemo (e non è piccola) è che i pesci in questione sono nell'acquario di un ristorante, sono stati pescati o allevati per essere mangiati e attendono che i clienti li scelgano per essere presi e cucinati. Tutto intorno a loro dunque c'è morte. Morte nella cucina (che vedono dal vetro), morte fuori dall'acquario (per assenza di acqua), morte all'interno (gli danno da mangiare altri pesci morti che divorano senza pietà), morte nei loro ricordi e morte inevitabile nel loro futuro. 
La molla che fa scattare il film è l'arrivo di un nuovo pesce, l'unico che sia stato in mare e l'unico dotato di un vero autentico istinto di sopravvivenza, la sua voglia di vivere è pazzesca e tragica al tempo stesso. Con la sua sola presenza gli altri (tuttaltro che simpatici e socievoli) cominceranno a cambiare.

L'animazione non è eccezionale, ma una volta tanto passa davvero in secondo piano perchè Dae-hee Lee sa come guardare le cose. E' un esempio perfetto la scena in cui il primo pesce è preso per essere cucinato. Lo si vede sul tagliere stordito da un colpo laterale di coltello per non farlo muovere e poi tagliato dal cuoco, una scena normalissima che diventa efferata e crudele solo in virtù della costruzione drammaturgica del film. Come se stessero tagliando un essere umano con la freddezza del cuoco. Un capolavoro di cinema.
Le idee sono moltissime (i pesci cucinati, sui piatti, muovono ancora la bocca e gli occhi) e con molta lentezza il film riesce a portare lo spettatore in un mondo in cui i propri simili sono mangiati, cannibalizzati, cucinati e squartati davanti ai propri occhi in attesa del proprio turno. In cui i tentativi più assurdi di scappare, anche i più suicidi hanno un gran senso e nel quale, nella scena più forte, il protagonista in modalità berserk sbrana un gruppo i pesci pagliaccio rossi e bianchi, cioè di piccoli Nemo.

4 commenti:

vinz ha detto...

Gabriele ma...in Italia uscirà mai?
no eh?


Gabriele Niola ha detto...

Mai dire mai, ma certo mi sembra davvero difficile...
Ad ogni buon conto mi è giunta voce che su internet giri illegalmente, chissà se è vero.

Preparati comunque perchè quando ho scritto questo post pensavo fosse il cartone dell'anno e non sapevo (ma come potevo immaginarlo) che il giorno dopo (cioè ieri sera) ne avrei visto uno decisamente migliore. Sembra assurdo aggiungere lodi su lodi un giorno dopo l'altro e pensa come mi sento io che volevo spingere bene in giro questo film bellissimo e il giorno dopo ne vedo uno cento volte migliore che spazza via il ricordo di questo.

Lo posto domani, è Wolf Children di Mamoru Hosoda. Ancora sto a piagne.


vinz ha detto...

Beh che problema c'e'? Si vedono entrambi, nell'ordine, facendo passare qualche giorno. :-) (badTaste ti censura? eh eh eh)


Gabriele Niola ha detto...

no no, sono io che mi censuro, davvero.
Se ho delle affermazioni forti (non per il cazzo ma per quel che dico) che sarebbe difficile, provare o anche solo difendere me le gioco sul blog e non su una testata con un direttore.
Insomma ci penso su prima di dire cose che potrebbero essere cretine su BT. Sul blog invece mi piace spararle grosse e sticazzi.


Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.