31.3.10

La Vita E' Una Cosa Meravigliosa (2010)
di Carlo Vanzina

Share |

POSTATO SU
Forse un duo come i fratelli Vanzina lo abbiamo solo in Italia. Due autori nel senso più stretto del termine (portatori non solo di una visione personale di mondo ma anche di una personalissima di cinema e soprattutto di scrittura), capaci di misurarsi con un certo successo in diversi generi (i thriller degli anni '70, le commedie popolari della stessa epoca e le commedie sofisticate degli anni '80), baciati ad un certo punto da un buon successo di pubblico e quindi dotati di grande riconoscibilità, estremamente prolifici e dotati di idee molto chiare eppure capaci di girare alcuni tra i film più trasandati, superficiali e tirati per i piedi che si possano vedere (e non parlo dei cinepanettoni!).

La vita è una cosa meravigliosa
riassume perfettamente questa situazione. Si tratta di una commedia garbata, giocata su dinamiche classiche (dal tradimento, allo svelamento, fino allo scambio di persone), recitata da attori rodati e imperniata su un concetto anche interessante da sviluppare (l'attitudine italiana di aggiustarsi i problemi tramite intrallazzi vista come condizionamento esterno agli individui e non sempre interno) ma portato sullo schermo con una sciatteria rara.

Come dicono loro (giustamente) non esiste solo la commedia a tesi che divide nettamente i buoni e i cattivi, il cinema italiano da sempre ha utilizzato i cattivi come protagonisti per avvicinarsi, guardarli da vicino e scoprirne motivazioni e contraddizioni. Eppure viene da rivendicare la forza del manicheismo nel vedere come i loro "mostri" da baraccone sono assolti senza un perchè, tramite soluzioni iperboliche a problemi contingenti.

Il bravo chirurgo che vizia il figlio svogliato chiedendo favori agli amici professori per farlo andare avanti all'università e in cambio assume o licenzia le loro amanti nella clinica privata dove lavora, come soluzione lavapeccati va in Africa (?!?), senza affrontare minimamente ciò che ha fatto da un punto di vista critico.
Ancora una volta però tutto questo sarebbe anche foriero di una possibile (sebbene arrendevole) visione di mondo se non fosse che è raccontato, mostrato, proposto e sceneggiato con i piedi, largamente al di sotto di qualsiasi media (anche italiana!).

7 commenti:

Anonimo ha detto...

Uffi, sono tornata ho provato a postare e non mi prende il commento... I Vanzina controllano il web???
FLAVIA

gparker ha detto...

sicuramente i potenti mezzi vanziniani monitorano questo blog per creare consenso

Massimo ha detto...

nancy brilli è una gran gnocca! (commento inutile)

gparker ha detto...

ma ci poteva essere qualcuno che ancora non ne era a conoscenza.

Anonimo ha detto...

Quanto testosterone! =) Mi sento in dovere di rialzare il tono della discussione con una Questione Morale: ma quanto è "italGliano" l'episodio con Salemme "il corrotto buono"?!?
FLAVIA

Fabio ha detto...

La vera questione morale è che era più gnocca prima.

gparker ha detto...

concordo.

Ma è tutto molto italietta, "siamo tutti buoni".