14.11.07

Beowulf (id., 2007)
di Robert Zemeckis

Share |


Ognuno chiede qualcosa di diverso al cinema, perchè ognuno ha un'idea diversa di cosa debba essere un film o di cosa debba mettere in scena e in che modo. Di sicuro però una componente fondamentale per molti (me incluso) è "vedere qualcosa di nuovo", non importa a che livello. Beowulf sicuramente centra quest'obiettivo.
Ero partito con il massimo dello scetticismo, non amo e non sono minimamente daccordo (e continuo a non esserlo) con il concetto di utilizzare le tecnologie di computer grafica e performance o motion capture per cercare il realismo, per fare in maniera animata un film che sembri reale, perchè questa ricerca di realtà (essendo comunque imperfetta in molte cose (movimenti delle mani, della bocca ecc. ecc.) non fa che palesare l'irrealtà di quello che vedo mettendomi di fronte alle limitazioni e alla falsità del mezzo, mentre invece un film come Ratatouille che cerca l'astrazione (in questo caso cartoonistica) del reale riesce a convincermi molto di più immergendomi in un mondo diverso.
Ecco nonostante tutto questo scetticismo sono rimasto colpito a morte da Beowulf.
Robert Zemeckis ha finalmente girato un vero film con questa nuova tecnologia, utilizzando la sua complessa visione di cinema al servizio di un'opera che non è una sperimentazione ma un vero racconto fatto usando nuovi strumenti della grammatica cinematografica.
Per farla breve in Beowulf la storia è messa in scena sfruttando (e bene) ciò che un set virtuale consente in più di un set reale. Certo nei decenni il cinema ci ha fatto vedere ogni genere di ripresa ardita o punto di vista impensabile, ma solitamente costituiscono un momento preciso nel film e uno sforzo non indifferente, in Beowulf sono invece la regola e soprattutto sono usati in maniera funzionale, in ogni momento sono la maniera migliore mostrare quella determinata scena e restituiscono (nel complesso) un'idea di cinema meravigliosamente complessa. Su tutto l'immenso piano sequenza della prima festa con la ripresa del topo ghermito dal falco e la visuale che si allontana sempre di più fino alla caverna di Grendel. Cinema puro al 100% e infattibile (se non con uno sforzo titanico) con mezzi tradizionali.

Ma soprattutto mi ha colpito la storia e la scrittura (sintomatica la scena del mostro che dice "Non sono io il vero demone" (foto di destra), roba già sentita ma che lo stesso inspiegabilmente colpisce fortissimo)). Chiaramente Beowulf è un poema bello e complesso (se non sarebbe sopravvissuto ai secoli) ma la sua attualizzazione e le necessarie (e forti) modifiche introdotte per farlo entrare in due ore di film sono meravigliose, la storia è più moderna (e solitamente quando dico questo lo intendo come un peccato, ma non oggi) e in linea con le tragedie moderne. Lineare e semplice nello svolgersi dei fatti ma complessissima nel modo in cui introduce molti temi differenti.
A latere del racconto dell'eroe Beowulf che si batte titanicamente contro mostri incredibili e vive una vita maledetta, c'è una bellissima serie di considerazioni (mai fatte apertamente!) sull'importanza del racconto e la forza del mito e del falso anche rispetto al reale. E poi ancora sono incorporati molti elementi della tragedia moderna, ovvero l'uomo onesto che si perde per sempre perchè preda di una torbida passione lussuriosa, il paragone con l'oro (nell'ultima sequenza da urlo!!) e la ricerca di fama e tanto altro, ma tutto implicito.
Ero stupitissimo perchè mi ero dimenticato un particolare che i titoli di coda mi hanno ricordato: la sceneggiatura è firmata Neil Gaiman e Roger Avary.

Per quanto riguarda la campagna di catalogazione dei nani di Violetta segnalo la presenza di un nano in performance capture. In caso poi mi diventi famoso.....

TECNOLOGIE DEL FILM

9 commenti:

l. ha detto...

Ma quindi è valido? non l'avrei detto. magari faccio una puntatina anche a melzo... uhm...

gparker ha detto...

Chi si rivede...
Si a totale sorpresa è veramente valido, è un film vero a tutti gli effetti.
Se non mi ci volessero diverse ore di viaggio con qualsiasi mezzo anche io sarei andato di corsa a Melzo...

Noodles ha detto...

Anch'io ho qalche scetticismo, sfrondato solo dalla rassicurazione del nome Zemeckis, ma questa recensione mi fa ben sperare.
Più che altro sono d'accordo su ciò che scrivi dell'animazione e in generale della computer graphic: spesso si insiste, anche nelle interviste, sul lavoro incessante per rendere realistico questo o quello... ma che senso ha? se voglio una tour effeil realistica vado a filmarla, sta là in fondo. Se sto guardando un film fatto quasi tutto in CG mi aspetto cose diverse dalla realtà o comunque una realtà rifatta e ripensata dall'autore. Se no quel cinema non diventa che una copia del cinema con attori in carne ed ossa; e a quel punto è sempre preferibile il cuore che batte, al pixel ben nascosto.

l. ha detto...

eh sì back from the grave, ma anche se sporadicamente almeno un salto a leggere l'ho fatto di tanto in tanto.
adesso sarei curiosa di leggere le impressioni di qualcuno che l'ha visto in 3D, quando penso a proiezioni 3d mi vengono in mente solo i filmatini da parco divertimenti... roba da pre-cinema

frankie666 ha detto...

EDDAI!
EDDAI CAZZO!!
EDDAAJE!!!

Quanto godo.

Anonimo ha detto...

Bene bene, aspettavo da tempo questo film, la recnsione di gparker fa ben sperare. Raramente Zemeckis mi delude, giusto Polar Express non mi è piaciuto, per il resto è sempre un ottimo regista.
Mi raccomando prestare attenzione allo score (colonna sonora) di Alan Silvestri, un compositore che non esito a definire il migliore al mondo. E non accetto obiezioni.

gparker ha detto...

a me lo score per quello che si sente nel film non è piaciuto

frankie666 ha detto...

Sono veramente felicissimo che questo film valga.
Certo è una felicità puramente Parkeriana, ma l'animazione in tutte le sue forme è una delle mie grandi passioni, e oggi con questo film io posso sperare che oltre alla pixar, altri film del genere possano essere realizzati.

Axonthenet ha detto...

Zemeckis è sempre stato uno dei miei registi preferiti, ma "Beowulf" mi preoccupava abbastanza... devo dire le i miei dubbi sono stati fugati dalla visione del film, anche se aspetto (ormai invano, mi sa) che Robert torni al cinema tradizionale.

Ciao,

Axon