23.11.06

Il Labirinto Del Fauno (El Laberinto Del Fauno, 2006)
di Guillermo Del Toro

Share |


Sono proprio bellini i film di Del Toro, perchè li racconta per me, con tanta passione e amore per le trame ed il fantastico.
Come in La Spina Del Diavolo (le similitudini sono talmente tante che mi fanno pensare ai primi due capitoli di una trilogia) la storia si svolge durante il fascismo spagnola e più precisamente durante la guerra civile.
La guerra è lo sfondo, i fascisti il male, un/una bambino/a i protagonisti di una trama privata che va avanti contaminandosi fortemente di fantastico inconsapevolmente di quello che sta accadendo nel mondo degli adulti.
In particolare nel Labirinto Del Fauno realtà e fantasia si toccano molto poco, sono due piani fortemente distinti che tuttavia procedono in parallelo con protagonisti diversi. Da questo punto di vista un po' avevo preferito La Spina Del Diavolo, dove il racconto è più amalgamato, dall'altra parte però Il Labirinto Del Fauno è un film decisamente riuscito meglio che ha il coraggio di andare a fondo in quello che La Spina Del Diavolo accennava.

Innanzitutto la carta vincente del film è l'immaginario di Del Toro, che esteticamente sta al fantasy tradizionale (da Il Signore Degli Anelli a Le Cronache Di Narnia) come lo spaghetti western sta al western tradizionale. Il fantasy di Del Toro è molto più carnale e fangoso, sporco e naturalistico. Il Fauno non è pulito e depurato come il satiro di Narnia, ma pieno di rami foglie e legno, con una faccia mostruosa e una morale apparentemente ambigua. Le fatine sono ben più sudice e sadiche di quelle di Peter Pan. Per non dire delle creature mostruose....
Il Labirinto Del Fauno è una curiosa commistione tra modi di fare europei (non comprendendo l'Inghilterra) e americani. E' sudicio e sporco, è sanguinolento quanto è necessario ma utilizza il manichesimo come modalità espressiva. La cattiveria dei fascisti è oltre ogni dire, eppure intrigante perchè trasforma le figure reali quasi in elementi fantastici, al pari del Fauno e dei mostri.
La conferma che si può proporre qualsiasi tipo di contenuto se si sa narrare. O detto in altre parole, quando il film funziona si è disposti ad accettare qualsiasi cosa.

LE TECNOLOGIE DEL FILM

9 commenti:

frankie666 ha detto...

Eppure Hellboy fa schifo....
Mi toccherà rivedermelo, ce l' ho pure in dvd...

Mariolone ha detto...

mi stuzzica.....forse per la pupa è un pò forte....ma tanto vede massimo fino a 20 cm ed al momento il suo giocattolo preferito è una linea nera disegnata su un foglio...

frankie666 ha detto...

ma vuoi portare tua figlia al cinema?

Mariolone ha detto...

non necessariamente amico mio......

gparker ha detto...

Una linea nera su un foglio?
Famiglia parsimoniosa eh?

Mariolone ha detto...

no,ultime teorie della puericultura.....cmq dopo il salasso villa flaminia sono diventato parsimonioso anche io:)

Anonimo ha detto...

L'ho visto e... l'ho trovato orribile. La storia, per quanto ben intricata, non mi è piaciuta affatto. Gli effetti speciali sono molto scadenti.
Proprio il fatto a cui accennavi, cioè che è molto "carnale e fangoso" , io lo metterei come una carta negativa. Insomma non mi è piaciuto proprio.

Fabio ha detto...

Un film sgradevole.
Apprezzabile la variazione estetica del fantasy e la conduzione delle due trame, ma il film mi ha lasciato in uno stato di irritazione e basta.

In primo luogo per l'eccessiva e gratuita crudezza, che ha pure la colpa di venire suggerita, presagita, alla maniera di un horror, come se tutti noi non aspettassimo di vedere che quello.

Poi c'è il capitano sadico che è una macchietta della cattiveria e questo, in concomitanza ad una discutibile scelta delle facce, fa cadere la pellicola nell'effetto fiction di Rai1.

gparker ha detto...

Daccordo al 100% sul capitano sadico, vera nota dolente del film e "piccolezza" autentica.
PEr il resto però non concordo, mi sembra che abbia un'inventiva degna del miglior Burton con un'abilità tecnica anche superiore.