2017/2018

2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

29.4.09

Che (2008)
di Steven Soderbergh

Il Che di Soderbergh è un film noioso. Anche se arriva diviso in due parti fa lo stesso. Sono noise entrambe le parti a modo loro. Anche perchè si tratta di un film unico che solo per esigenze di distribuzione (e solo in alcuni paesi) è stato diviso in due, certo la speranza di avere un finale tirato però c'era lo stesso.

La prima parte è centrata sulla rivoluzione cubana mentre la seconda è tutta sull'esperienza boliviana e insieme dipingono una specie di trattato esteso sul concetto di rivoluzione, su quelle riuscite e quelle fallite, quindi su come riescono e come falliscono. La cosa è resa ancor più chiara dalla grande "verbosità" del Che riguardo le sue teorie.

Che - Guerriglia come dice il titolo stesso è più centrato sulle battaglie mentre Che - L'Argentino sulla teoria ma entrambi hanno un senso "pop" che è la cifra vera dell'operazione, cioè la ripulitura di una figura oggettivamente sporca per farla entrare nei migliori salotti. Se in Italia e in gran parte del mondo infatti Ernesto Guevara è da tempo considerato da molti un mito negli Stati Uniti, anticomunisti per definizione, c'è bisogno di un'ampia opera di traduzione che lo renda accettabile. Ecco allora il Che magnanimo, il Che pover'uomo, il Che filosofo, il Che teorico e il Che filantropo.

L'intento è talmente palese da sembrare scontato. Esso non trova eco solamente nella trama, cioè nella scansione del racconto (un'epopea mitica proprio perchè fallimentare nel finale), e nei dialoghi, spesso enfatizzati dalle molto componenti patinate di messa in scena ma lo è soprattutto per l'estetica.
Proprio quella patina di glamour rende chiari gli intenti. Sono i vestiti pulitissimi e stiratissimi di tutti i miliziani, i loro volti curati e truccati, la perfezione formale della messa in scena, i colori ben abbinati e i capelli quasi sempre in piega ad urlarlo da ogni inquadratura.

Tutto questo non deve sembrare puro hollywoodianismo, si tratta di una produzione elevata e sicuramente molto curata in cui nulla è lasciato al caso. Dunque la volontà di avere un'apparenza perfetta è anch'essa significante.
E' la medesima differenza che passa tra un western pulito (e quindi "mitico") di John Ford e uno sporco (e quindi già in questo "crepuscolare") di Peckinpah.
Posta un commento
Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.