2017/2018

2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

5.5.09

Terra Madre (2009)
di Ermanno Olmi

POSTATO SU
Olmi aveva detto che avrebbe smesso di fare film di finzione e si sarebbe dato unicamente al documentario e così è arrivato Terra Madre. Come era facile aspettarsi il primo di questi documentari tocca uno dei temi fondamentali dell’autore, cioè il recupero di un umanesimo contadino antistorico che salvi l’umanità dall’imbarbarimento e dall’impoverimento spirituale della vita metropolitana (per l’occasione Celentano ha anche fatto una canzone che si sente sui titoli di coda).

Il documentario è bellissimo. Davvero. All’inizio è molto attaccato all’evento Terra Madre che, patrocinato da Slow Food, riunisce ogni anno contadini e attivisti della categoria per recuperare appunto quella dimensione alimentare e così risolvere i problemi della Terra. Mentre alla fine è un’ode al rapporto uomo/natura, al lavoro dei campi e alla gioia della vita contadina.
Ecco questa seconda parte specialmente è straordinaria, ma straordinaria davvero. Per tutto il film Olmi riesce a fare del vero cinema a trovare immagini e dimensioni narrative non necessariamente didascaliche che comunichino tramite l’estetica, ma nel finale tutto questo arriva all’apoteosi.

Ci sono circa 20 minuti muti, di un uomo che lavora la terra che sono sensazionali! Quelle immagini molto ravvicinate, molto curate (ogni frutto ha una sua inquadratura, sue luci, sue prospettive), abbinate ad un sonoro forte e non sempre in armonia ma spesso in contrasto comunicano in ogni secondo un amore per l’oggetto rappresentato pari a quanto sia riuscito a fare Truffaut con il cinema in Effetto Notte. E lo dice uno che non è particolarmente in fissa con il ritorno alla natura, anzi! Ma sono rimasto conquistato da come Olmi padroneggi il mezzo e non solo non annoi in quei 20 minuti documentaristici ma anzi appassioni con ogni taglio di luce.

Altro discorso andrebbe poi fatto per la teoria di fondo del film, cioè per la teoria espressa da molti partecipanti a Terra Madre che Olmi con le immagini sembra sposare in pieno (lo sappiamo anche dalle sue molte dichiarazioni sul tema), cioè appunto la necessità di tornare alla natura per recuperare la nostra umanità e addirittura la vita contadina come “nuovo illuminismo”, affermazione che non saprei nemmeno da dove iniziare a criticare.
Non che non sia d’accordo con la necessità di rivedere le strategie di distribuzione alimentare (anzi!), ma non è il rifiuto della modernità la risposta. Invece in Terra Madre proprio il rifiuto della modernità è uno dei temi fondamentali, modernità come inquinamento, modernità come metropoli, modernità come tecnologia disumanizzante.
Accuse non argomentate e non giustificate, anche perchè non sono in necessario contrasto con una revisione del sistema alimentare. Accuse in sostanza buttate lì sapendo di avere gioco facile con larghe fasce di pubblico ma che sviliscono un film dalla cinematografia stupefacente.
Posta un commento
Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.