2017/2018

2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

8.9.11

L'ultimo terrestre (2011)
di Gianalfonso Pacinotti

CONCORSO
MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA 2011

C'era attesa intorno al primo film di Gipi, apprezzato fumettista italiano, un po' per il suo statuto inconsueto, un po' per l'argomento scelto, un po' per la produzione (Fandango, che sbagliano leggermente meno degli altri) e infine un po' per la campagna di marketing fatta online che aveva fatto presagire quel che poi è stato.
L'ultimo terrestre è un film solo apparentemente anticonvenzionale, in realtà poggia saldamente i piedi nel più tipico cinema italiano, non che questo sia necessariamente un male, ma cercando di scrollarsi di dosso un'identità se la ritrova di nuovo sopra, solo messa male.

La storia di un uomo anonimo, triste e traumatizzato da qualcosa, tanto che subisce passivamente tutto nella sua amara vita, passa attraverso diversi colpi di scena proprio quando gli alieni stanno per sbarcare sulla Terra. 
Gli alieni non sono il centro del film, sono lo scenario, sono come le case popolari con piscina e non assegnate, come i predicatori-santoni vestiti da manager o ancora i colleghi spietati del protagonista, sono un elemento perturbatore che serve a far emergere una cosa che a Gipi preme molto, l'Italia di questi anni. L'argomento è abusato e non è che si veda nulla di nuovo ma qualche idea e qualche contenuto indubbiamente è azzeccato. Si vede che Gipi è conscio dell'esigenza di alcune cose di non essere dette con le parole ma con le immagini, le situazioni o i contesti, questo però non fa di lui un regista e la deficienza emerge nelle fase drammaturgiche più complesse, dove non tutto scorre come dovrebbe e si ha l'impressione che manchino sempre pochi centimetri alla meta emotiva.

Il lato su cui il film cede terreno per davvero però è quello del personaggio principale e del suo viaggio che è verso l'amore da una parte, verso un tradimento dall'altra e verso una scoperta imprevista e liberatoria da un'altra ancora. Qui alla lunga emergono tutti i temi più italici. Il rapporto con la famiglia di provenienza, la lotta dell'outsider in un mondo di conformati, l'intelligenza dell'apparentemente scemo in un mondo di furbi autodefiniti e via dicendo.
Un umorismo azzeccato e forte, unito a qualche momento sinceramente spiazzante (quello del mancato soccorso notturno) sono solo episodi, macchie di leopardo in un film dal finale che arriva in media res senza però configurarsi come un vero finale aperto.
L'ultimo terrestre è godibile, è divertente, è carino e ha qualcosina da dire sull'Italia ma non è un film da festival, abusa della sua carineria, si fa schermo del kitsch (i costumi degli alieni) e manca l'appuntamento con la serietà degli intenti.
Posta un commento
Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.