2017/2018

2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

12.9.08

Redbelt (id., 2008)
di David Mamet


POSTATO SU
Sceneggiatore di lungo corso e più occasionalmente regista Mamet intende raccontare dello scontro tra i saldi principi legati alla filosofia del Jiu Jitsu e la gretta realtà fatta di tradimenti, caduta degli ideali e corruzione.
Per farlo crea un personaggio a metà tra ascetismo e eroe americano, un uomo ancora una volta solo (che nel film diventerà ancora più solo) che con la sua palestra insegna a combattere a chi si iscrive ma soprattutto agli esponenti delle forze dell'ordine, per aiutarli a sopravvivere sia con le arti marziali che con la loro filosofia.

Durante il film tutto precipita, i principi del Jiu Jitsu (e più in generale quelli di un onore portato alle estreme conseguenze) sembrano inadeguati alla vita reale, chi li applica viene ripetutamente punito dalla sorte e in modi diversi. Eppure il protagonista persevera fino in fondo arrivando ad un finale inaspettatamente sbrigativo.

Redbelt poteva essere una riflessione complessa e meno noiosa di Ghost Dog su come sia possibile una vita moderna impregnata in un codice d'onore millenario, invece sembra più uno spot al Jiu Jitsu e ai suoi principi.
Poteva essere un bel modo di ritrarre tutto un altro tipo America (il poliziotto coinvolto nella trama non somiglia nè allo stereotipo del poliziotto violento nè tantomeno a quello di quello premuroso cui siamo abituati) e invece finisce per contrapporre buoni virtuosi a cattivi ricchi e avidi.
Poteva essere un'ottima storia con un intreccio ad orologeria in grado di scatenare l'emotività nel finale e invece risolve tutto con una banalità e una rapidità quasi che fa sembrare che abbiano finito i soldi per la pellicola tutto d'un colpo.

E' una vera occasione persa Redbelt, girato con non troppa abilità (specialmente per i pochi ma importanti combattimenti che sono confusissimi) ma incentrato bene sul dilemma interiore del protagonista in grado di portare addosso il dolore proprio e di tutto un mondo che crede in determinati valori e li vede traditi ogni giorno anche a suo discapito.
Posta un commento
Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.