4.9.06

Piano 17 (2005)
Antonio e Marco Manetti

Share |

Quanto mi dispiace vedere che non riusciamo a discostarci dal provincialismo più becero.
Mi deprimo terribilmente quando vedo che rimaniamo legati ad una dimensione superficiale del cinema come Piano 17, ritenuto tra le altre cose da molti un esempio da imitare.
I Manetti Bros. confezionano l'ennesimo orrendo scimmiottamento dei peggiori stereotipi del noir e del cinema d'azione americano. Una rilettura che manca di ogni criterio, manca di una conoscenza del cinema e di una sua comprensione, manca di un minimo di abilità registica e manca di una personalizzazione che non sia la scelta degli attori o l'ambientazione romana, che poi è quella di origine degli autori, dunque nemmeno una scelta stilistica.
Non c'è nemmeno il padroneggiamento dei sistemi di messa in scena a rendere il tutto più accettabile.
Con un meccanismo ed una trama esili esili i Manetti Bros. intrappolano tre personaggi in un ascensore con una bomba, la bomba ha un timer e il film dura la durata del timer. Il film è dunque un collagio di scene nell'ascensore dove i prigionieri tentano la fuga e flashback individuali che ricostruiscono la storia. L'espediente è funzionale al basso budget ma è gestito che peggio non si può e i dialoghi (solitamente l'unico elemento decente nelle produzioni nostrane) sono inascoltabili.
Piano 17 è talmente insulso e mal fatto che fa venire voglia di esaltare Romanzo Criminale.

9 commenti:

frankie666 ha detto...

...
per fortuna che abbiamo gabriele muccino...

Antonio ha detto...

Ma Romanzo Criminale era ben fatto, uffa.
(mette il broncio)

gparker ha detto...

Intendiamoci non odio Romanzo Criminale, l'ho trovato molto carino ma non eccezionale come viene fatto passare, per questo a vedere Piano 17 mi viene voglia di osannare anche io Romanzo Criminale che quanto meno era ben fatto!

frankie666 ha detto...

su romanzo son d' accordo con parker... Secondo me va bene perchè di italiano in giro ormai non c' è niente di meglio...

snaut ha detto...

Romanzo sta bene tra i migliori italiani della passata stagione :)

Da poco ho saputo che i Manetti Bros. hanno messo mano su un altro racconto di Lucarelli, "Rapidamente": pare che sia stato realizzato sei anni fa per mediaset che ha deciso di non mandarlo in onda. Attendiamo con impazienza.

gparker ha detto...

Non vedo l'ora

frankie666 ha detto...

Pure io...

endimione ha detto...

una segnalazione:
volevo visualizzare il commento a thank you for smoking ma il link mi rimanda a piano 17

endimione di http://www.incontroalcinema.blogspot.com/

gparker ha detto...

Non so che dirti, a me funziona bene...