11.10.06

Monster House (id., 2006)
di Gil Kenan

Share |


Forrest Gump, Ghostbusters, I Goonies, Indiana Jones, I Critters, Explorers, tutto il cinema d'azione spensierato di Steven Spielberg e gli anni '80. Queste le principali "ispirazioni" di Monster House, cartone animato (non a caso prodotto da Spielberg e Zemeckis) per bambini perchè si sentano bambini che parla loro nella maniera più basilare possibile.
Non c'è seconda lettura, non c'è l'intenzione di narrare ad adulti una storia di bambini o di darne una visione diversa.
Monster House usa tutte le mosse fondamentali di uno sceneggiatore e di un regista per mettere in scena un film azione/horror per bambini, nessuna innovazione, nessuna sperimentazione (che non sia tecnologica) e soprattutto nessuna consapevolezza di mettere in scena un divertissment come poteva essere I Goonies.
What You See Is What You Get.
E mi stupisce che Spielberg abbia dato soldi per un fim che dipinge i bambini così banalmente consapevoli del proprio status, proprio lui che si era sempre battuto truffautianamente per un cinema che rivaluti il mondo infantile dandogli la complessità e le sfaccettature che merita.

2 commenti:

frankie666 ha detto...

io ci speravo onestamente in questo film.... Mi spiace non sia niente di che...

Roberto ha detto...

Non sono per nulla d'accordo.
Come ho già avuto modo di dire in altra sede, nonostante Spielberg e Zemeckis siano qui solo in veste di produttori la loro influenza si percepisce a km di distanza.
Gran bel film d'animazione (che scade un pochino nel finale un po' troppo rocambolesco, forse), sicuramente una spanna sopra ai vari Shrek o Ice Age.