12.8.11

I pinguini di mr. Popper (Mr. Popper's penguins, 2011)
di Mark Waters

Share |

Ci vorrebbe tutto uno studio a parte sul cinema con animali diretto ad un target infantile. Capolavoro di fatica ed addestramento negli anni '60 e con il passare del tempo sempre più cinema dello stato dell'arte della tecnologia e dell'interazione tra reale e irreale.
Più noti per essere dei punti di riferimento nell'evoluzione del motion capture o nel realismo della CG i film "con animali" (parlanti o meno) sono un genere a sè che incorpora parte delle dinamiche della commedia sofisticata, come l'ambientazione altoborghese possibilmente newyorchese o la dinamica conquista/tradimento della fiducia. I pinguini di mr. Popper non fa eccezione da nessun punto di vista e inoltre porta avanti uno dei temi più cari alle commedie leggere di Jim Carrey: i genitori insolventi.

La storia di mr. Popper, padre scapestrato e senza il tempo da dedicare ai suoi figli che, grazie all'inaspettato regalo di 6 pinguini, impara a dedicare ai suoi ragazzi il tempo che meritano e rimette in carreggiata la sua vita rivoltando l'ordine delle priorità (non più il lavoro davanti a tutto), non è troppo distante dalle molte altre interpretate da Carrey a partire da Bugiardo Bugiardo fino a Yes Man passando per Una settimana da Dio.
Quali siano stati i problemi dell'attore con la sua figura paterna non è dato saperlo ma un sospetto viene. L'eterno Scrooge che solo (e finalmente) nel film di Zemeckis ha dato vita al personaggio intorno al quale gira da tutta una carriera, qui limita molto smorfie e gag slapstick, concedendosi quasi con imbarazzo alcune imitazioni e qualche demenziale gag.

Il risultato è quello che inevitabilmente doveva accadere. Limando anche quella parte di follia insensata che Carrey sapeva portare a queste commedie non rimane nulla. E fondandosi questo tipo di produzione sull'individualità dell'attore protagonista, il film crolla assieme a lui nell'insensatezza.
Menzione d'onore come si conviene ai pinguini digitali, più veri del vero e finalmente ben poco "fumettosi". Tra poche settimane Neil Patrick Harris, sempre a New York, dovrà vedersela con i Puffi digitali ma difficilmente si può ipotizzare che l'interazione tra reale e fasullo raggiungerà simili livelli. 
La scelta di avere degli animali estremamente verosimili era rischiosa, più ci si avvicina al vero più si rischia di far notare al pubblico le differenze invece che le somiglianze, ma la fusione è lo stesso perfetta. 
Un film per bambini che paradossalmente è più per ingegneri, disegnatori e programmatori di computer grafica.


7 commenti:

Anonimo ha detto...

Sti pinguini tra l'altro hanno un po' rotto le palle. Diciamolo.

Ale55andra

Pjt ha detto...

E' vero che Carrey è un pò sottotono, ma è anche vero che il film si regge tutto su di lui. Ce ne fossero di attori che quando si limitano sanno reggere tutto un film...
Comunque il giudizio generale è che è ottimo per le famiglie con bambini e preadolescenti, uno dei migliori non di animazione tra quelli degli ultimi anni (ormai mi sono fatto una certa esperienza in merito ;) ).

Pjt ha detto...

P.s.: che impressione vedere la ex Signora in Giallo in versione incartapecorita...

gparker ha detto...

Cazzo Angela Lansbury è SEMPRE uguale!

Pjt ha detto...

Uguale? Ma se sembra la sorella della Mummia...
Mi sa che cominci ad aver bisogno degli occhiali :-p

gparker ha detto...

a me è sempre sembrata la sorella della mummia

Pjt ha detto...

Che cattivo che sei. Hai suoi (ma anche all'inizio di una signora in giallo, molti anni fa) era una bella donna...