15.10.06

La Vera Leggenda di Tony Villar (2006)
di Giuseppe Gagliardi

Share |

EXTRA
FESTA DEL CINEMA DI ROMA 2006

Divertito e divertente La Vera Leggenda di Tony Vilar è un documentario a metà tra verità e finzione su Tony Vilar, l'uomo che per un certo periodo fu noto in Agentina portando al successo "Cuando Calienta El Sol".
Tutto il documentario è il viaggio di un cantautore italiano tamarro tra le comunità italiane in sudamerica e america, raccogliendo informazioni e indizi su dove si trovi ora Tony Vilar. Non so bene cosa sia vero e cosa no, molte cose sono evidentemente costruite ad arte con attori professionisti, altre sembrano improvvisate, altre ancora sembrano plausibilmente vere.
L'effetto comico è garantito dal fenomeno costume delle varie Little Italy sparse per il mondo e dal folklore unito all'inventiva di Giuseppe Gagliardi e Peppe Voltarelli coautore e pseudo cantautore melodico italiano alla caccia di Tony Vilar.
Sono rimasto discretamente stupito quando ho scoperto che in sala c'era lo stesso Tony Vilar che ha fatto un discorso commosso su quanto si senta privilegiato ad essere tornato al successo.
Francamente tutto è così ridicolo....
Girato in video rende male sul grande schermo ma ha il pregio di fare scelte audaci per quanto forse forzate, e la regia (poco abile e un po' soporifera) non aiuta allungando il brodo quanto più è possibile per arrivare ad una durata da lungometraggio.

2 commenti:

frankie666 ha detto...

I film in concorso si confermano poca roba eh?

Anonimo ha detto...

Bah...
saranno gusti ma:
1.film "fatto" con uno spirito di novità
2. ben riuscito come storia(vera o verosimile che sia)
3.il film, miei cari critici, è stato poriettato a 24 fps invece dei 25 sui quali è stato girato ( si nota nelle canzoni)
4.gli attori(praticamente quasi tutti) non sono professionisti( ma guarda caso "rendono" piu' di mooooolti attori professionisti)e difficilmente ci si accorge di questo
5.Peppe Voltarelli ( nel film si vede anche Roy Paci) scrive ed interpreta musica( il parto delle nuvole pesanti) da un "po'" se vogliamo dire cosi'
Premettendo che a me i "musical" veri e proprio non piacciono sono rimasto molto colpito dal ritmo e dal contenuto oltre che dall'idea...
ma in realtà non è la solita americanata... allora bocciamolo lol