7.3.06

Il Mio Miglior Nemico (2006)
di Carlo Verdone

Share |

Sono entrato in sala con tutti i pregiudizi possibili ma devo ammettere che l'idea dello scontro tra il personaggio tipico di Silvio Muccino e uno dei personaggi della galleria di Verdone funziona, e funziona anche parecchio.
Ma andiamo per ordine, il film non è un capolavoro e inserito nella galleria di quelli di Carlo Verdone non è all'altezza di Compagni di Scuola, Al Lupo Al Lupo, Borotalco o Maledetto Il Giorno Che T'Ho Incontrato, la trama è decisamente ridicola e tutti i fattori drammatici pure. Ciò accade perchè queste sono le parti lasciate a Muccino e nel vedere il film pare proprio che ognuno abbia scritto le proprie sequenze (la sceneggiatura è di Verdone e Muccino insieme).
Il risultato quindi è che nelle parti drammatiche il film diventa un qualsiasi Che Ne Sarà Di Noi, con tanto di invadentissima ed inutile voce over (di Muccino) che spiega tutto quello che dovrebbe essere lasciato alle immagini, ma quasi a compensare nelle parti in cui è coinvolto Verdone il film diventa molto molto divertente, e non solo. Come sempre l'umorismo di Verdone ha una doppia faccia, quel "malincomico" che è la sua firma, e anche qui non si smentisce. Com'era facile aspettarsi allora è molto più drammatico Verdone quando fa le sue gag di Muccino quando è serio, ed è chiaramente anche molto più divertente.
Insomma in fin dei conti io lo consiglio, non è un gran film ma è molto divertente e, almeno a me, fa sempre piacere vedere Verdone ad alti livelli.
Infine vorrei dire che la differenza tra un buon lavoro e la poesia è la medesima differenza che c'è tra lo scegliere la locuzione Il Mio Miglior Nemico e Il Mio Nemico Più Caro.





5 commenti:

Giulai ha detto...

Sono andata a vederlo ieri sera,primo film di Verdone che ho visto al cinema. Allora, prima il negativo: insopportabile la voce fuori campo. Non serviva. Poi Muccino non ce la può fare:ho detto a Fa "in "Come te nessuno mai" più ragazzino era più convincente,meno vorrei-ma-non-posso" - "Guarda che è lo STESSO personaggio un pò cresciuto.L'UINCO suo personaggio.".
"Non ti sembra un pò forzato quando parla romano?Non è naturale" - "E' romano." - "Ah.E' vero."
A parte ciò,ho riso tanto,Verdone mi è sembrato molto più in forma di tanti ultimi film,il pezzo dell'innamoramento era tenero,un pò sedicenne,ma d'altronde si dice che i giovani di oggi faticano a crescere, quindi ci può stare.E poi io sono una romantica(?!).Insomma, alla fine secondo me con CinCinCinema si può fare.

gparker ha detto...

Cin cin cinema infatti svoltona, Verdone m'ha fatto veramente tagliare pure a me, e pure io non sopporto questa firma mucciniana della voce fuori campo che pontifica, filosofeggia e spiega tutto invece di lasciare che il film si spieghi da solo.
Ma non ti è sembrato anche a te che ognuno si sia scritto i pezzi suoi, cioè i pezzi di Verdone e quelli di Muccino sono proprio diversi.
Hai visto il product placement? Le pubblicità legali, qui c'era IBM (il protatile), Audi e Vodafone (la videotelefonata finale è proprio inutile....).

Giulai ha detto...

Perchè tu non sei rimasto a vederti tutti i titoli di coda...E ci credo, durano 15 min perchè elencano tutti i...i...Non ricordo quale fosse l'intestazione, ma più o meno "SI RINGRAZIA:". C'era di tutto. Ingordi.

gparker ha detto...

Io non sono rimasto ma tu perchè??

Giulai ha detto...

Non si chiede mai l'età a una signora.