21.11.11

Real Steel (id., 2011)
di Shawn Levy

Share |

In Real Steel non c'è davvero nulla di Steel, il racconto di Richard Matheson (poi diventato un episodio di Ai confini della realtà, poi ripreso dai Simpson in una puntata in cui Homer si finge robot pugile), se non l'idea che in un futuro molto prossimo (circa una trentina d'anni da oggi) il pugilato diventi uno sport da robot, così da soddisfare l'esigenza di violenza sempre maggiore del pubblico.
La poca fedeltà all'originale però non è un male. Questo film prodotto dalla Dreamworks ma distribuito quasi ovunque dalla Disney, porta infatti più il marchio della seconda che della prima, è un racconto molto indirizzato ad un pubblico preadolescenziale che pur rimestando nel noto e nell'abituale regala più di una raffinatezza.

Al timone c'è Shawn Levy, navigato mestierante della commedia qui prestato all'epica padre/figlio di un film che si colloca subito tra i suoi migliori, per equilibrio, inventiva e raffinatezza.
Una raffinatezza che è prima di tutto di scrittura. Real Steel infatti è organizzato come una commedia sentimentale (due personaggi non si piacciono, poi si piacciono lentamente, poi uno scopre che l'altro aveva cercato di ingannarlo e lo abbandona per tornare nel gran finale) e come nelle commedie sentimentali a fare la differenza è l'alchimia tra i due protagonisti. In questo l'altrimenti inadeguato Hugh Jackman e il per nulla esordiente Dakota Goyo (13 ruoli all'attivo e 11 anni di età) rendono al massimo.

Alla base di tutto c'è inoltre l'utilizzo di uno scheletro ineccepibile, quello di Rocky (ed è già il secondo film questo mese), esplicitamente citato nell'incontro finale in più di un momento (il campione che incontra un signor nessuno, i russi come nemici, alcune fasi di combattimento prese da Rocky III, la resistenza incredibile e l'urlo finale liberatorio).
Tutto questo Levy lo amalgama davvero bene, aggiungendo anche un tocco più country, fatto di ambientazioni campagnole statunitensi, fiere di paese e camion, insomma ancorando alla contemporaneità un racconto che dovrebbe essere di fantascienza e che così diventa di prossimo futuro.
Se molti film raccontano sempre la stessa storia (e questo è senz'altro uno di quelli) non tutti sono in grado di farlo con una leggerezza, un'abilità e un'inventiva simili.

0 commenti: