30.10.08

The Missing (Shen Hai Xun Ren, 2008)
di Tsui Hark

Share |

FUORI CONCORSO
FESTIVAL DEL FILM 2008

Generi mischiati. Un inizio da j-horror, un centro sporcato con toni da commedia e thriller psichiatrico (doppie personalità, visioni...) e un finale da melodrammone. L'ultimo film di Tsui Hark non è facile, specialmente per il pubblico occidentale.

Ogni snodo fondamentale è molto centrato sull'etica, sullo spiritismo e sui principi cinesi che spesso ci risultano incomprensibili se non incondivisibili.
Come sua caratteristica l'enfasi posta in ogni mossa, ogni svolta e ogni sentimento non è poca (non è certo regista minimale Tsui Hark) e la ricerca fatta intorno alle percezioni alterate della protagonista non è certo di quelle banali.

Eppure non funziona nulla, arrivati a metà si desidera la fine se ne ottengono anche troppe. "Il film con più finali di questo festival" l'ha ribattezzato qualcuno con più esperienza di me e non a torto.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

o qualcuno che desiderava più ardentemente di te la fine... (Marta/SuperBimba)

gparker ha detto...

e non era facile

frankie666 ha detto...

ma lui c'era? E VENUTO A ROMA?!

gparker ha detto...

no