2017/2018

2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

29.8.08

Postal (id., 2007)
di Uwe Boll

Se Postal non vi piace non vi posso biasimare.
E' girato male, recitato male, raccontato male (specialmente la seconda parte) e soprattutto opera una critica alla società americana a viso aperto ma nella maniera più scontata e banale possibile.
Eppure (in un certo senso) mi ha conquistato.

Postal adatta un videogioco violento fondato sulle esplosioni di rabbia (che è poi il significato del titolo) e tutto il film è un'esplosione di rabbia del regista stesso che non potendo sterminare le persone come il protagonista del gioco spara cinematograficamente su di loro. Attaccando tutti. La cosa, nelle sue premesse e nella sua riuscita folle, ha un suo senso profondo. E questo non lo si può trascurare.

Come già ho precisato prima del film c'è stato un incontro con Uwe Boll, il regista, il quale si è dimostrato un uomo di insospettata arguzia e sorprendente intelligenza e non posso negare che ciò che lui ha detto prima del film, il modo in cui ha esposto le sue intenzioni nel fare questo Postal e le modalità produttive dalle quali esce hanno dato un certo valore al film.

Fermo restando la povertà cinematografica è innegabile che Postal sia il frutto delle molte accuse di incapicità mosse al regista (spesso giuste ma pronunciate con un livore ingiustificato dato il resto dello schifo che gira). Si è già detto delle petizioni per fargli smettere di fare film e dell'incontro di boxe organizzato con i critici. Ma meno si è detto del lavoro indipendente che Boll fa sui propri film e soprattutto su Postal che per il soggetto che ha è stato rifiutato da molti paesi nonchè dagli agenti di molti attori.

Lo stesso Boll sostiene di aver voluto fare un film contro tutti "Voi mi volete male ma forse io ne voglio di più a voi", un film come non se ne possono fare e che scientificamente rompa ogni regola non scritta del cinema "civile".
In Postal ci sono bambini uccisi, neonati messi sotto, uomini che esplodo con le carni che volano, nudità in generale, gag scatologiche di dubbio gusto e attacchi a ebrei, neri, gay, musulmani, americani e a Boll stesso (che si rappresenta come un nazista i cui film non piacciono a nessuno).
In un minestrone totalmente demenziale (stile Pallottola Spuntata) Uwe Boll non risparmia davvero nulla e nessuno e se i temi delle sue prese in giro non sono il massimo dell'originalità (americani ciccioni, violenti e media-dipendenti, arabi stupidi, indottrinati e ciechi, tedeschi nazisti, poliziotti corrotti ecc. ecc.) è senza dubbio autenticamente incazzato tutto il tono del film e in certe parti sorprendentemente divertente (cosa che mai avrei detto).
Posta un commento
Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.