29.8.08

Postal (id., 2007)
di Uwe Boll

Share |

Se Postal non vi piace non vi posso biasimare.
E' girato male, recitato male, raccontato male (specialmente la seconda parte) e soprattutto opera una critica alla società americana a viso aperto ma nella maniera più scontata e banale possibile.
Eppure (in un certo senso) mi ha conquistato.

Postal adatta un videogioco violento fondato sulle esplosioni di rabbia (che è poi il significato del titolo) e tutto il film è un'esplosione di rabbia del regista stesso che non potendo sterminare le persone come il protagonista del gioco spara cinematograficamente su di loro. Attaccando tutti. La cosa, nelle sue premesse e nella sua riuscita folle, ha un suo senso profondo. E questo non lo si può trascurare.

Come già ho precisato prima del film c'è stato un incontro con Uwe Boll, il regista, il quale si è dimostrato un uomo di insospettata arguzia e sorprendente intelligenza e non posso negare che ciò che lui ha detto prima del film, il modo in cui ha esposto le sue intenzioni nel fare questo Postal e le modalità produttive dalle quali esce hanno dato un certo valore al film.

Fermo restando la povertà cinematografica è innegabile che Postal sia il frutto delle molte accuse di incapicità mosse al regista (spesso giuste ma pronunciate con un livore ingiustificato dato il resto dello schifo che gira). Si è già detto delle petizioni per fargli smettere di fare film e dell'incontro di boxe organizzato con i critici. Ma meno si è detto del lavoro indipendente che Boll fa sui propri film e soprattutto su Postal che per il soggetto che ha è stato rifiutato da molti paesi nonchè dagli agenti di molti attori.

Lo stesso Boll sostiene di aver voluto fare un film contro tutti "Voi mi volete male ma forse io ne voglio di più a voi", un film come non se ne possono fare e che scientificamente rompa ogni regola non scritta del cinema "civile".
In Postal ci sono bambini uccisi, neonati messi sotto, uomini che esplodo con le carni che volano, nudità in generale, gag scatologiche di dubbio gusto e attacchi a ebrei, neri, gay, musulmani, americani e a Boll stesso (che si rappresenta come un nazista i cui film non piacciono a nessuno).
In un minestrone totalmente demenziale (stile Pallottola Spuntata) Uwe Boll non risparmia davvero nulla e nessuno e se i temi delle sue prese in giro non sono il massimo dell'originalità (americani ciccioni, violenti e media-dipendenti, arabi stupidi, indottrinati e ciechi, tedeschi nazisti, poliziotti corrotti ecc. ecc.) è senza dubbio autenticamente incazzato tutto il tono del film e in certe parti sorprendentemente divertente (cosa che mai avrei detto).

9 commenti:

Giangidoe ha detto...

Io volevo vederlo da quando, in un post di Roberto Recchioni, scoprii la storia e le ossessioni di questo regista. E quando vidi il trailer dei dirottatori che chiamano Bin Laden al telefono (era in lingua e non capii tutto, ma il succo era decisamente esilarante).

gparker ha detto...

si quello è l'inizio del film ed è divertente

Mariolone ha detto...

Mi sembra di aver capito che si è pesantemente ispirato ad "Una pallottola spuntata" mettendoci dentro un bel pò di violenza in più....vabbè a me lui sta sulle palle per motivi che non riesco a decifrare cmq....ho visto kung fu panda...spettacolare!!!

Alberto Di Felice ha detto...

Son d'accordo con te: il tizio sembra gioviale e conscio di quel che fa. Anche se a tratti questo film si fa effettivamente poco sopportabile-- Di Boll in precedenza avevo visto solo "Alone in the Dark", e non ne ricordo nulla--

gparker ha detto...

Mario non è che si è ispirato a una pallottola spuntata è che usa quel tipo di comicità demenziale e in più rompe tutte le regole "civili".

Il panda è divertentissimo si.

Valido ha detto...

Amen. Uwe Boll e' riuscito a fare un film bruttissimo ma maledettamente necessario. Contento che tu abbia saputo cogliere il messaggio sotto l'incompetenza :)

Ale55andra ha detto...

Questo non mi ispira manco per niente...

tony correttore di bozze ha detto...

primo capoverso, alla fine "a me mi" proprio no!

Come sempre Tony-correttore di bozze è un servizio che consente la rimozione del commento di segnalazione.

gparker ha detto...

Valido: ci è però voluto l'intervento del demiurgo in persona :)

Ale55andra: guarda se mai lo vedessi e non ti dovesse piacere nessuno oserà dirti nulla. Spesso dico che la sola idea di un cinema scientificamente fatto male non ha senso eppure in questo caso devo andare in deroga (parzialmente) sostenendo che ogni tanto (ma davvero ogni tanto) esiste qualcosa che va oltre e che forse è extra-cinematografico, ma comunque finisce per ricadere nel giudizio sulla pellicola.

Tony: come sempre correggo e come sempre non rimuovo il messaggio.