9.8.11

Captain America: Il primo vendicatore (Captain America: The First Avenger, 2011)
di Joe Johnston

Share |

A Joe Johnston un po' gli si vuole bene e un po' anche no. Un po' non gli si perdonano film brutti forte un po' si amano le sue soluzioni puramente derivative di tutto il cinema spielberghiano/lucasiano a cui ha potuto assistire nel suo farsi e al quale ha contribuito come effettista speciale e scenografo. Capitan America ("Captain" scrivetelo voi) riassume bene questa doppia tensione tra amore ed odio.

Guardando esplicitamente al genere d'avventura anni '30/'40 (già esplorato in The Rocketeer), e quindi ad Indiana Jones, il film riesce a fare un racconto poco fumettistico di un personaggio da fumetti. Non fosse per la sua nemesi che in ogni scena trasuda esagerazioni da tavola disegnata, Capitan America potrebbe essere un film d'avventura e in questo sta il suo pregio e il suo fascino maggiore. Purtroppo poi l'esigenza di raccontare molte cose molto in fretta, un montaggio non particolarmente azzeccato (certi salti di scena in scena gridano vendetta) e le molte sequenze d'azione ben poco riuscite riportano il film verso il basso.

Più che un film poco riuscito sembra quindi il contrario, un filmetto che azzecca elementi di fascino i quali in alcuni momenti sembrano promettere di più di quel che poi si vedrà. E questi elementi sono quelli relativi all'ambientazione, alle origini del personaggio (la diatriba sul poter per una volta essere "migliore") e molte soluzioni visive rubate a quelle che Spielberg inventava per i film di Indiana Jones (in particolare la scena con le moto e quella degli aerei sono tra le cose più derivative mai viste). Ad un certo punto c'è anche un improbabilissimo momento Scala Al Paradiso...
Più che altro impressiona più di altre volte come i Marvel Studios siano riusciti a ricreare quel senso di grande continuity che anima i loro fumetti. Tutti i personaggi dei diversi film convivono e i rimandi continui di oggetti, trame, parenti e personaggi sono sempre più impressionanti, complessi e stratificati (per dire, Capitan America parla moltissimo di Iron Man) e gestiti con una progettualità produttiva mai vista.

3 commenti:

Pjt ha detto...

Confermo in pieno la sensazione di continuity che da il film: più che un lavoro a se stante sembra un prequel de "I Vendicatori". Comunque nel complesso buono, mi è piaciuta la modernizzazione delle origini che però rimangono abbastanza fedeli all'originale. Menzione in negativo per il 3D, quì assolutamente inutile e scarso...

gparker ha detto...

concordo al 100%

Anonimo ha detto...

Ottima rece,
appena visto ed ovviamente non raggiunge i migliori capitoli marvel ma è comunque un "filmetto" che si fa vedere.

Stefano