31.1.10

Mai Mai Miracle (Maimai Shinko to sennen no mahô, 2009)
di Sunao Katabuchi

Share |

FUTURE FILM FESTIVAL 2010
CONCORSO

Ti attirano con quelle cose del tipo "una volta tanti anni fa ha lavorato con Miyazaki" e con un tratto da studio Ghibli e poi ti ritrovi intrappolato per 90 minuti che sembrano 140 a vedere un polpettone senza capo nè coda che vorrebbe essere miyazakiano con tutte le forze (bambini, ecologismo, reminiscenze, viaggio interiore...) e invece è solo noioso.

Se però c'è una cosa che Mai Mai Miracle dimostra è che i giapponesi non sono immuni dalla dipendenza da un retaggio ingombrante e fastidioso. Non solo Miyazaki infatti ma anche moltissime velleità da Kurosawa si intuiscono nell'opera di Kabuchi che però non riesce mai a centrare il punto della questione come se non comprendesse il perchè di quello che fa.
Mai Mai Miracle insiste sulla sensibilità infantile senza mai riuscire a comunicare quei sentimenti ostentati dalla sceneggiatura, tenta la poesia in molte immagini senza riuscire mai ad impressionare o convincere veramente.
Così facendo si disinteressa di componenti come ritmo, intreccio, svolgimento... Quelle cose che, in assenza di una mano sapiente, fa sempre piacere trovare.

3 commenti:

frankie666 ha detto...

ti credo Miyazaki c'e n'e uno. E nessuno e mai riuscito neanche ad avvicinarvisi....

Fabio ha detto...

Ho cercato il trailer per vedere come era in movimento, e non è malvagio. Parlo solo di disegno e fattura; che sia un polpettone invece si capisce già dal trailer.

gparker ha detto...

la fattura è ottima
è la storia che ti ammorba