22.10.07

Noise (id., 2007)
di Henry Bean

Share |

PREMIERE
FESTA DEL CINEMA 2007

Lo spunto di questa commedia con Tim Robbins è veramente veramente esile. Il gravissimo problema dell'inquinamento acustico nelle grandi metropoli. Che viene poi allargato come fosse chissà quale insormontabile difficoltà (senza considerare che solo poche tra le grandi metropoli ne soffrono, e il mondo, ma anche l'America è fatto di campagne e provincie).
Partendo da questo Bean mette in scena una serie di situazioni indubbiamente divertenti, anche in virtù di un William Hurt decisamente in parte (sbaglio o non l'avevamo mai visto in un ruolo puramente comico e caricaturale?). In Noise, se non altro, ce n'è per tutti e non per una sola categoria.
Eppure nonostante alla fine l'intento sia quello di narrare di una storia di disobbedienza civile (con un'apologia abbastanza inedita) nel suo senso più lato, non riesce a staccarsi dal suo tema contingente, la lotta contro la terribile minaccia degli allarmi delle auto che suonano senza motivo disturbando il vicinato.

3 commenti:

Fabio ha detto...

Ho sentito parlare di questo film ieri sera, mi ha molto incuriosito. A quanto ho capito questo personaggio ha un fastidio così acuto ai rumori della strada fondamentalmente perché è ha un disturbo psicologico, un conflitto con tutto il mondo che sta fuori dalla sua stanza.
Per questo motivo, dicevano, una cosa che per noi tutti è irritante per lui diventa la miccia di azioni scriteriate.

Comunque io abito a Palermo in unaa zona parecchio trafficata, e ti assicuro che diverse volte mi sarebbe venuta voglia di scendere di casa con la mazza da baseball per distruggere qualche auto che strombazza più del dovuto (praticamente tutte). Ma non essendo in un film americano chiaramente non ho la mazza da baseball.

gparker ha detto...

figurati. Anche a me alle volte gli allarmi delle case mi fanno diventare matto, ma farci un film........

Fabio ha detto...

Tuttavia appena ho sentito di cosa parlava ho pensato subito che volevo vederlo. Anche solo per vedere un personaggio fare quello che tutti vorremmo fare...

Comunque dicevano (sempre della TV parlo) che l'idea del regista nasce dalla sua esperienza personale: è sceso di casa con una mazza e ha sfasciato un'auto che gli dava noia... si è fatto pure una nottata in galera.