19.6.11

Cars 2 (id., 2011)
di John Lasseter e Brad Lewis

Share |

Inizia come un film di spionaggio (nettamente il momento migliore), prosegue come un intrigo internazionale in ambienti sofisticati (le corse) e finisce come un episodio televisivo autoconclusivo di un cartone seriale. Il nuovo film Pixar appare come il meno coinvolgente tra quelli realizzati, un'opera in cui lo studio di Lasseter si riconosce solo per le sue caratteristiche meno clamorose, come l'abilità nel raccontare, il linguaggio asciutto e la maestria nel disegnare i caratteri.
Non solo nel film ma anche già nella sinossi di Cars 2 non c'è traccia di spunti sentimentali, di un'idea di cinema vasta e profonda come gli oceani di Alla ricerca di Nemo o di momenti che prestino il fianco ad un coinvolgimento dello spettatore. 
Realizzato con tutta l'abilità che abbiamo sempre riconsciuto alla Pixar Cars 2 è un film senza ambizioni artistiche che mira a perpetuare e migliorare il successo del capitolo precedente.

Già Cars era evidentemente il film meno interessante, toccante ed audace della compagnia ora questo secondo capitolo perpetua l'idea commerciale dell'opera che più di tutte è stata in grado di generare indotto attraverso il merchandising e lo sfruttamento dell'immagine dei suoi personaggi. Più spazio a Cricchetto meno a Saetta McQueen, più gag fisiche, meno creatività nel dar vita al mondo della macchine (non ritroviamo chicche imbattibili come i calabroni che sono dei piccoli Maggioloni Volkswagen), più azione, meno sentimento, meno originalità, più placement di automobili note (Peugeot e nuova 500 Fiat tra le più riconoscibili), più doppiatori noti (in Italia si nota troppo Alessandro Siani, per quanto in linea con il personaggio, e praticamente non si sentono gli internazionali Sofia Loren e Franco Nero) e una storia che somiglia ad un episodio televisivo di una qualsiasi serie animata più che ad un film.
Anche l'utilizzo conservativo e poco audace del 3D stereoscopico sembra in linea con quest'idea (Toy Story 3 e Up di certo facevano un lavoro più raffinato in materia), così come il cortometraggio che precede il film, con al centro la vacanza pseudo-hawaiana di Ken e Barbie, somiglia più ai corti inseriti nei DVD (divertenti ma mai esaltanti e appoggiati su personaggi e trame già noti) che a quelli solitamente mandati in sala (produzioni dalle ambizioni alla medesima altezza dei lunghi).

Considerare Cars 2 un pessimo film e l'inizio di una crisi di idee per la Pixar significherebbe però non tenere conto dell'evoluzione, delle dimensioni e dell'impresa incredibile condotta dalla società di Lasseter. La Pixar di oggi è una casa parte della Disney che da 16 anni sforna un film l'anno con una potenza ed un'intensità creativa che non hanno eguali (solo a livello tecnico la concorrenza tiene faticosamente il passo). Dunque che tra queste perle annuali ci siano ogni tanto degli esperimenti eminentemente commerciali non deve essere sintomo di nulla. L'anomalia è portare in sala capolavori per 16 anni senza sosta. Con Cars 2 la Pixar non ha fallito il bersaglio, ha mirato da un'altra parte.

6 commenti:

danielep ha detto...

"Considerare Cars 2 un pessimo film e l'inizio di una crisi di idee per la Pixar"

informati meglio, l'anno prox esce BRAVE, altro che crisi di idee... che Cars non era un capolavoro già si sapeva, il secondo di certo non poteva migliorare.

gparker ha detto...

Cita meglio: "Considerare Cars 2 un pessimo film e l'inizio di una crisi di idee per la Pixar significherebbe però non tenere conto dell'evoluzione, delle dimensioni e dell'impresa incredibile condotta dalla società di Lasseter"
il senso della frase completa è che è assurdo parlare di crisi o di fine delle idee se si guarda la società nel suo percorso completo dall'inizio.

paolo ha detto...

che cars non sia un capolavoro "cinematograficamente" parlando non ci sono dubbi.
ma dal punto di vista del suo pubblico "naturale", i bambini tra i 2 e i 10 anni è un capolavoro assoluto: appassionante, divertente, poco spaventoso e comprensibile anche ai più piccoli. mio figlio di 3 anni non può fare a meno di saetta e cars diventa la panacea di tutti i momenti di crisi.
forse la pixar ha abituato noi adulti ad un altro tipo di spettacolo, ma con cars non c'è dubbio che abbia reso felici i bambini. che, secondo me, dovrebbero restare i veri destinatari dei cartoni..

Pjt ha detto...

Strano che non ti sia piaciuto, ma forse l'hai visto nell'ottica sbagliata. In Pixar ad ogni film hanno sperimentato qualcosa di nuovo (es. in Cars i grandi spazi, in Ratatuille i dettagli dei movimenti di macchina, ...). Quì chiaramente hanno voluto fare un film d'azione puro, sperimentando questo genere nell'animazione, cosa che a mia memoria non aveva ancora fatto nessuno. Verissimo che hanno cercato di sfruttare il brand, ma non si sono fermati li.

gparker ha detto...

paolo: non metto in dubbio e conosco il successo con i bambini, ma proprio per quello Cars è il loro franchise di maggiore successo commerciale, perchè il target bambini è anche quello con il maggior "indotto parallelo" dai pupazzetti in giù.

Pjt: si ma manca completamente di poesia, di secondi livelli di lettura. Anche gli altri film Pixar sono buoni se non ottimi per un intrattenimento rapido e spensierato, ma hanno la forza di saper parlare diversamente a pubblici diversi.

Simmix ha detto...

Probabilmente non sei mai stato in Giappone. La ricchezza dei particolari e i dettagli di come hanno reinterpretato Shibuya (la più nota e "luminosa" zona di Tokyo) in versione "quattroruote" rendono il film veramente spettacolare. I miei complimenti alla Pixar, che sempre farò!