1.3.10

Invictus (id., 2010)
di Clint Eastwood

Share |

POSTATO SU
Sembrava un soggetto perfetto per Clint. C'è l'etica di un paese in rinascita, ci sono gli sconfitti che alzano la testa, c'è la forza virile dello sport e la dolcezza reazionaria della vittoria contro tutto e contro tutti, c'è un personaggio mitico e carismatico (Mandela) e ci sono degli umili a cui guardare.
C'è anche un interprete d'eccezione (Morgan Freeman) in un ruolo da lui agognato e per il quale sembra nato, che unisce le forze con uno dei registi con cui si trova meglio.
Tutto sembrava essere al posto giusto e invece, come nello sport, non sempre 1+1 fa 2 e così da tante cose buone non esce un buon film.

Invictus, tra le molte cose, soffre forse di un eccesso di commissione. Sembra infatti che sia stato Morgan Freeman a fare pressione sull'amico regista per poter finalmente interpretare Mandela nella storia tratta dal libro "Ama il tuo nemico" di John Carlin, così si giustificherebbe un lavoro totalmente privo d'ispirazione che procede solo in virtù della rigorosa (sempre di Clint parliamo!) applicazione di schemi e dinamiche oliatissime.
La storia del Sudafrica che cerca di diventare la "nazione arcobaleno" a ridosso dell'elezione di Mandela ("Il Sudafrica è fatto ora tocca fare i sudafricani" verrebbe da dire), anche grazie all'insperata vittoria degli Springboks nel mondiale di rugby ospitato in casa, procede su diversi binari. Da un parte i giocatori e il capitano Matt Damon, l'elite bianca che entra in contatto con il carismatico presidente e scopre la maggioranza nera, dall'altra il presidente, le sue difficoltà (accennate) nella vita privata e la sua risoluta determinazione nel comprendere che lo sport in quel momento può essere più importante degli oleodotti e infine le guardie del corpo nere che devono lavorare a fianco di quelle bianche (appartenenti alla precedente amministrazione), le quali per sineddoche rappresentano tutta la popolazione sudafricana divisa tra odio per gli ex-dominatori e diffidenza verso i neo-liberati.

Purtroppo più in là di così non si va. I dialoghi sono ai minimi storici, didascalici fino allo sfinimento senza nemmeno l'alibi della chiarezza e la trama ha diversi acuti di agiografia, mentre la scansione del racconto è (incredibile a dirsi) pessima, specie per quanto riguarda la marcia trionfale degli Springboks nel mondiale. Allora anche la scena madre della visita nella prigione dove fu detenuto Mandela suona melensa, accompagnata da uno score (come spesso avviene composto da Eastwood) anch'esso poco ispirato.
A risollevare le sorti del film arrivano unicamente le scene di sport, il rugby filmato in mezzo al campo con uno sguardo tra il rispettoso e il coinvolto che impressiona (come sempre capita con i film sportivi americani) e fa anche un po' pensare al film che sarebbe potuto essere e non è stato.

8 commenti:

Jack Skellington ha detto...

Ultimamente il tuo blog è un ecatombe, di tutti i filmoni più attesi (Burton, Scorsese, Clint) non ne hai salvato mezzo. Punto le ultime speranze su Polanski.

gparker ha detto...

non è colpa mia ma loro!
LORO!!!

Mariolone ha detto...

io lo devo vedere lo stesso....già il titolo mi ha causato un arrazzamento....è vicino come stile a ogni maledetta domenica???

gparker ha detto...

lontanissimo
siamo dalle parti del delicato affresco storico sebbene di storia recente

Anonimo ha detto...

ecco perchè non mi ha esaltato.. lo dici meglio tu (le mie voci mi consigliano male) ;)

saluti VALLE (amica SV)

gparker ha detto...

lo sai che devi smetterla di ascoltare le voci nella tua testa!

LEO ha detto...

Secondo me è un film scarso, lontanissimo dagli ultimi di C. Eastwood. Oltre tutto quello che hai detto, ho trovato anche le scene delle partite molto ma molto scadenti: il rugby visto da un americano che lo confonde con il football (nel rugby i giocatori non fanno il timeout per preparare una nuova azione o per fare discorsi motivazionali). E poi ho visto due calci di inizio degli All Blacks bassi e di 5 metri, quando in realtà un mediano di quel livello calcia a 60-70 metri. Insomma per chi ama questo sport, appare tutto inverosimile, così come un amante della boxe trova ridicoli i film di Rocky.

gparker ha detto...

guarda sulle imprecisioni io ci passo sopra. Anche per Rocky. So bene che qualsiasi esperto o appassionato di boxe inorridisce e la definisce "una rissa", però lo spettacolo ha le sue leggi, filmare lo sport non è semplice e una soluzione come quella di rocky non è il meglio immaginabile (anche Toro scatenato fa schifo agli appassionati) ma un modo di fare che mentendo rende l'idea che vuole comunicare.

Così per il rugby. Eastwood farà pure mille errori però rende bene il senso ultimo dell'agone sportivo.