30.1.07

Miss Potter (id., 2006)
di Chris Noonan

Share |

Già all'epoca di Ray mi posi la domanda se potesse esistere un buon film biografico, se cioè i cosìdetti biopic fossero necessariamente dei film scadenti.
L'osservazione viene dalla pratica, non ho mai visto un biopic che fosse un film valido. Non ho amato nemmeno Toro Scatenato e con tutta probabilità è il miglior biopic che sia mai stato girato. L'unico che ho trovato ragionevole è Dragon: La Storia di Bruce Lee, perchè riesce a trasfigurare la figura realmente esistita in mito puro e in questo modo si svincola dagli obblighi dell'agiografia e riesce ad essere anche un film normale. E bello.
Miss Potter è la vita di Beatrix Potter l'illustratrice inglese di libri per bambini, i suoi sono i libri per bambini più venduti di tutti i tempi.
Ambientato dunque nella perbenista Inghilterra di fine ottocento il film, oltre a parlare della vita di Beatrx Potter, è anche un saggio sull'esigenza di vivere la propria vita come si vuole (contro le rigide regole e le imposizioni materne) e l'esaltazione di quella dimensione domestica e rurale che poi si ritrova nei libri della Potter c'è anche un po' analisi intro-psicologica). tutte tematiche familiari a Chris Noonan che già le aveva esplorato in Babe - Maialino Coraggioso.
Non che sia mal narrato o messo in scena, alcune cose sono davvero carine, specialmente la fotografia virata sul baige e i colori caldi, ma poi non va più in là di ciò che si vede, è un'opera sterile che probabilmente domani avrò già dimenticato. Un film che parla di e mette in scena (anche bene) tutte tematiche già viste e riviste. Un film che piacerebbe tanto a mia nonna, calmo e pacato, decente e introspettivo, morale e pieno di soddisfazione.

0 commenti: