12.6.07

Il Sole Nero (2006)
di Krzysztof Zanussi

Share |


Quando pensi che Ghost Rider e Un Amore Su Misura siano due exploit imbattibili, che già li hai trovati i film peggiori della stagione vai a vedere un film come Il Sole Nero, un vero e proprio supplizio per lo spettatore.
Già la presentazione si è svolta in un luogo poco ortodosso, una specie di sala riunioni ecclesiastica (non saprei come definirla meglio) con affreschi michelangioleschi (anche se di certo non era Michelangelo) alle pareti e un proiettore ed uno schermo di fortuna. Una specie di sala parrocchiale di lusso, con sedie di legno spezza colonna vertebrale che hanno messo a serio rischio la mia capacità di deambulare e un caldo afoso dato dalla mancanza di spiragli che rendeva il film l'unica possibile fuga da una realtà da incubo.
Solo che la fuga dalla realtà era peggio dell'incubo. Il Sole Nero è un film presuntuosissimo e noioso oltre ogni dire, basato su un'opera teatrale senza che sia stata in nessun modo applicata una lettura cinematografica, con dei dialoghi incredibili che fortunatamente hanno scatenato il riso di tutti i presenti e non solo il mio (che altrimenti sarebbe rimbombato nelle prestigiose pareti), una serie di personaggi da fiction della peggior specie, privi di motivazioni che non siano mediocri ideologie ed aspirazioni d'ispirazione cattolica, ma di bassa lega. Un film programmaticamente poetico nella maniera più facile e terra terra possibile che dura 104 minuti, quasi due ore che però sembrano un'eternità, verso tre quarti avevo anche maturato la convinzione che al termine della proiezione avrei occupato la sala in pieno stile fantozziano urlando: "Ora nessuno esce di qui finchè non si trovano i colpevoli!" e costringendo il regista Krzystof Zanussi a vedere per intero tutta la serie de Il Decalogo di Kieslowski.
Per inciso nonostante il regista sia polacco la produzione è italiana, no perchè quando c'è da navigare a vista nello schifo noi non ci tiriamo mai indietro. Incredibilmente c'è anche Valeria Golino che di solito invece non sbaglia un film, probabilmente avrà dovuto qualche favore imprescindibile a qualcuno nella produzione. Lo dico perchè un film simile anche sulla carta è terribile, non c'è possibilità di errore, qui c'è il dolo!

2 commenti:

Jacopo ha detto...

ok, però non ho capito il riferimento al decalogo di kieslowski.. lo faresti vedere a zanussi perchè è una noia mortale o perchè è un capolavoro?

gparker ha detto...

Perchè è un capolavoro ed è cinema polacco.