28.7.09

Bastardi Senza Gloria (Inglorious Basterds, 2009)
di Quentin Tarantino

Share |

POSTATO SU
Prima di tutto i dati e la fredda cronaca.
Bastardi Senza Gloria, com'è stato detto in lungo e in largo, non somiglia a Quel Maledetto Treno Blindato ma semmai più a Vogliamo Vivere per il tipo di trama, mentre nel modo in cui è girato somiglia più a Pulp Fiction che a Kill Bill o A Prova di Morte. Non che sia a livello di Pulp Fiction ma il modo di orchestrare le diverse storie (sebbene non atemporale), il modo in cui si alternano azione e dialoghi, il modo in cui propone la violenza (per accelerazioni e non esplosioni) e infine la maniera in cui Tarantino fa il suo cinema e non il cinema di qualcun altro è il medesimo.
Nulla di nuovo o di diverso dal solito. Bastardi Senza Gloria è un bel film di Tarantino, non il suo migliore nè una svolta nella sua carriera ma un suo bel film ambientato in Francia durante la seconda guerra mondiale e ispirato ad un "certo" cinema di guerra, non quello appunto di Castellari o Il Grande Uno Rosso ma più quello delle commedie.

Perchè come sempre alla fine Tarantino ha girato un'altra commedia che mischia tanti altri elementi e generi. Un film molto verboso e molto compassato che si prende tutto il tempo che vuole per proporre dei personaggi (mai approfonditi) estremamente cool, cesellati nel minimo particolare ma volutamente sfiorati e mai compatiti. Tarantino è forse l'unico oggi che riesce a non trasmettere calore per i personaggi (giusto qualche donna ogni tanto) ma unicamente per le situazioni.

Diviso in 5 capitoli il film racconta dell'operazione Kino, andando a spiegare nei diversi capitoli dove si origini il desiderio di vendetta di ognuna delle parti coinvolte grazie a delle scene che sono davvero piccoli gioielli. In certe parti si riesce quasi a percepire la goduria tutta tarantiniana di girare una scena così tipicamente cinematografica. Si percepisce come indugi per aumentare il piacere, come prepari il colpo di scena, come carichi il pathos per poi rilasciarlo nella maniera migliore. Ci gode davvero quell'uomo a fare film.
In particolare è bellissimo davvero il primo capitolo, quello che si chiude con una citazione di 28 Giorni Dopo. Una vera operetta tarantiniana senza citazioni particolari o troppi significati. Cinema scarnificato, quasi eastwoodiano se Eastwood facesse queste cose e se fosse così visceralmente innamorato del mezzo.

Per il resto invece essendo molto lungo il film soffre di una certa stanchezza verso il mezzo ma sopportabile, anche perchè poi il finale recupera.
Non è il capolavoro che ci aspettiamo sempre da Tarantino ma è gran bel cinema.

Ah! C'è una bionda che si deve vendicare (ed è l'unico sentimento che il film si propone di mostrare) e i piedi di una donna hanno un ruolo fondamentale. No perchè ad un certo punto mi ero quasi preoccupato...
Infine è molto strano come il film che ad un certo punto si vede, un film girato da poco nella germania nazista dall'UFA sia così palesemente anacronistico. Gira voce l'abbia fatto Eli Roth e non Quentin, il che sarebbe una spiegazione, ma lo stesso viene da chiedersi come abbia potuto accettare che la proiezione a cui gira il finale del film sia di un film così palesemente lontano dalle opere tedesche degli anni '40. E' quel genere di cose con le quali Tarantino va a nozze!

44 commenti:

frankie666 ha detto...

il primo commento non puo che essere mio:

fomentone.

Larry ha detto...

ok... quando esce in italia? quando?

gparker ha detto...

se non sbaglio ottobre

Larry ha detto...

caz... va bene... o accetto... grazie comunque...

Thomas Morton ha detto...

Il periodo finale non è proprio chiarissimo... ci sarebbe un finto film Ufa dentro il film? E questo finto film non è troppo convincente?

gparker ha detto...

esatto
direi che hai capito perfettamente

alp ha detto...

l'aspettativa è comunque alta

Mariolone ha detto...

tu l'hai visto in qualche proiezione stampa?

Riccardo ha detto...

Tarantino.. uno degli esponenti del cinema post-moderno. il regista del pastiche di generi.
e pensare che all'esame su Tarantino ho preso un bel 30, quindi non posso non amarlo!!
non vedo l'ora di vederlo!!

gparker ha detto...

oh yeah
proiezione stampa

Anonimo ha detto...

Beato te, rosico!! Non sto più nella pelle, sono sicura che come sempre, perlomeno, Tarantino mi farà divertire come una pazza.
Ale55andra

Mariolone ha detto...

bene,speriamo che qualche tuo collega di buon cuore abbia registrato l'audio.....

gparker ha detto...

si si è sempre una commedia e secondo me con qualche punta di vero divertimento ma da vedere in originale. Molto si perderà col doppiaggio perchè le lingue sono 3 e tutte e 3 hanno il medesimo spazio e la medesima utilità.

Ma la cosa migliore secondo me è il gusto del raccontare e del costruire le situazioni. Un vero piacere.

Riccardo ha detto...

voglio sapere una cosa: ma il Pitt è amorfo come al suo solito (come in questi ultimi tempi)?

gparker ha detto...

no è molto caratterizzato

frankie666 ha detto...

ma c'è un esame su Tarantino? Cioè io sono un ordinario di Tarantinologia....

Riccardo ha detto...

diciamo che questo professore ha deciso quest'anno di far studiare la filmografia di Tarantino.. e non puoi capire quant'è figo analizzare sequenza per sequenza Reservoir Dogs o Death Proof
poi il libro su cui ho studiato mi ha fatto innamorare ulteriormente di questo grande regista!!

W Vito Zagarrio XD (il mio prof)

Udo Kier ha detto...

Una volta un anziano architetto mi disse:
"Oggi si laureano in letteratura su Pasolini. Capito? Pasolini! Ma dove andremo a finire?"
Se sapesse che Tarantino è materia accademica morirebbe all'istante - ammesso che sia ancora vivo.
Il commento migliore su Quentin è secondo me di Mereghetti:
" Tarantino al suo secondo film è gia troppo innamorato di se stesso".
Recensione del 1994.
Aveva già capito tutto.

frankie666 ha detto...

in effetti è una gran verità...

gparker ha detto...

che grande
e infatti ha dato poi 1 stella ai Kill Bill.
Ma ha la ragionevolezza poi di giudicare bene sia a prova di morte che quest'ultimo.

quando ho spiegato a mio padre (architetto) che all'università facevo l'assistente per analisi dei linguaggi musicali e che uno dei testi da studiare era su Like A Rolling Stone di Bob Dylan mi ha guardato con una faccia nella quale c'era di tutto tranne che approvazione.

Mariolone ha detto...

come io non ho mai capito perchè a te lezione te la faceva costanzo......mi ha sempre fatto rosicare

Riccardo ha detto...

gparker vieni da me a fare qualche lezione!sicuramente hai una competenza che molti dei miei prof nemmeno si sognano (che lusinghe un pò ambigue che faccio stasera ahah)

gparker ha detto...

ed era anche serio costanzo. non ha mai mancato una lezione o un esame. Ed era anche un bell'esame, lezioni lunghe esaustive con materiali esplicativi e libri di testo inusuali e interessanti.

mi piacerebbe molto tornare a fare università ma dovrei trovare un professore benevolente che mi prende...

frankie666 ha detto...

mi immagino una tua lezione tipo quelle dei professori fichetti nei telefilm americani, che incontri gli studenti con i piedi sulla scrivania mangiando una mela.

Poi ti alzi e scrivi alla lavagna:

"Il mio nome è Parker. Gparker. E sono qui per parlarvi di cinema"

Poi, tipo Indiana Jones mi immagino le studentesse che ti guardano chiudono gli occhi e hanno messaggi scritti sulle palpebre...
Di ogni tipo però

"forza bologna"
"truffaut fa schifo"
"sei un figo"

gparker ha detto...

più o meno era così
ma senza la parte dei piedi sulla cattedra.

Riccardo ha detto...

e dai gp vieni al dams, così ti rifai gli occhi con alcune belle gnocchette pseudo cinefile *_*

no, seriamente, provaci *_*

gparker ha detto...

io ci proverei pure ma non saprei da dove iniziare, non credo che possa seguire l'iter istituzionale, non ho carriera accademica nè pubblicazioni da vantare. Dovrei conoscere qualche professore di cinema e cominciare a fare l'assistente da lui. Ma non ne conosco!

Thomas Morton ha detto...

Per carità, stai alla larga dall'Università.

Mariolone ha detto...

io sono stato ad una sua lezione......ed ho anche preso nota di chi faceva finta di ascoltarlo...

gparker ha detto...

Era la mia prima lezione. Sono migliorato facendo la radio. Adesso sono giovane e traboccante di capacità oratorie.

Thomas Morton ha detto...

Le università italiane dovrebbero essere rase al suolo. Facciamo uscire la cultura dalle aule dei baroni e portiamola nei blog.

(non ci badate, è il caldo)

Mariolone ha detto...

mica ho detto che era male.....eri giovane pure al tempo...solo che ti eri vestito troppo serioso....ti dovevi mettere quella maglietta psichedelica

Riccardo ha detto...

@thomas: se venissero rase al suolo io non potrei studiare, quindi mi tengo le baronate visto che non posso permettermi accademie o quant'altro..

dammi retta che la cultura non c'entra un cazzo con i baroni, e ci sono studenti con le palle che si battono per mantenere un minimo di dignità culturale nelle aule

frankie666 ha detto...

Ah il dams! Ora mi spiego tutto... un mio amico una volta mi chiese di spiegargli della roba per un esame al Dams. Io molto onestamente risposi che non sapevo abbastanza di cinema da aiutarlo (tralaltro non sono manco uno studente, mentre lui si, per cui era una situazione assurda...). Poi venne fuori che era un esame in cui doveva parlare del contesto politico dei Rage Against The Machine...

gparker ha detto...

Anche io non sono per radere al suolo le università.

Thomas Morton ha detto...

oh, eppure vi avevo avvertito di non prendermi sul serio. però...

Massimo ha detto...

certo sarebbe bello fare una facoltà in cui gli esami sono sui Rage Against The Machine...

immagino l'ultima domanda
"adesso mi canti l'intro di Bombtrack"

ahahah

gparker ha detto...

"A-ah! E no. Quel Fa in realtà era un Mi. Ritorni a settembre"

frankie666 ha detto...

Visto.

Due Volte.

GrandISSIMO.

Condivido PERFETTAMENTE il tuo pensiero di base: e Pulp Fiction durante la seconda guerra mondiale.

Pero condivido anche tutti i pregi e tutte le critiche... Alla fine e veramente il film piu parlato di Quentin Tarantino, un po piu di movimento (voglio rimanere generale, se lo rivedi ti accorgi che sono quasi tutti primi piani...) non avrebbe guastato...
Ci ho pensato bene, non e che non lo sa fare, e molte scene (per lo piu alla meta del film) non e che sono cosi interessanti. E mi duole parlare cosi del DIO Quentin.

Cio non toglie che e un grande film. Con piu "azione" sarebbe stato un film della madonna. Ma siamo sempre nella parte alta della classifica.

Anonimo ha detto...

visto all'estero in lingua originale... con evidenti problemi visto che di tedesco non capisco neanche una parola... si sa come vogliono doppiarlo? no perchè qualsiasi scelta sarà sbagliata però alcune lo sarebbero più di altre...

alp ha detto...

L'incipit è stupendo, poi non tutto è allo stesso livello, ma comunque Tarantino resta uno dei pochi che fa sentire ancora, anche a un vecchio spettatore come me,la gioia di essere al cinema.

gparker ha detto...

completamente daccordo. In ultima analisi il racconto tarantiniano è fantastico e per questo sarà immortale

giulai ha detto...

Visto ieri sera, da sola al cinema.
Mi è piaciuto e che gran primo capitolo...

(e, se sono i suoi, che piedi brutti, Diane Kruger!)

gparker ha detto...

la prima parte e poi la locanda sono delle vere bombe. Ma hai visto che scrittura?! Che dialoghi! Come fluisce la storia, veramente ai massimi vertici tarantiniani.