14.5.07

L'Uomo Dell'Anno (Man Of The Year, 2005)
di Barry Levinson

Share |


Io comunque sono malato. Ogni volta che vedo Christopher Walken non riesco a non pensare alla sua prestazione sublime nel video di Weapon Of Choice, e grazie a questa deformazione ho potuto notare che da quel momento in poi nei film che interpreta molto spesso gli fanno accennare dei passi di danza.
Insania mia e Christopher Walken a parte, L'Uomo Dell'Anno è il classico film da trailer, cioè di quelli che vedi il trailer e pensi che sia divertentissimo mentre poi tutte le idee belle che hai visto nella presentazione sono le uniche del film, che in 20 minuti le ha esaurite e da quel punto in poi agonizza tra trame improbabili e buonismi americani fino alla fine. Un po' come il precedente Sesso e Potere.
Certo va detto anche che i primi 20 minuti del film sono un gioiellino di regia (onore a Levinson) e narrazione, la decisione di scendere in politica e la conseguente ascesa del comico Robin Williams sono raccontate con una rapidità, una comprensibilità, un'onestà e un'asciuttezza che magari tutti i film fossero così.
Poi c'è tutto l'intreccio della votazione elettronica non attendibile che è quanto di più ridicolo e banalmente antitecnologico si potesse mettere in piedi. Tanto che nemmeno Jeff Goldblum è credibile (ma che fine ha fatto la mosca? Una volta era uno serio...).
C'è anche spazio per una critica effettiva al sistema di promozione e finanziamento politico americano che poi inficia l'operato degli eletti (il sistema cioè delle lobby), ma è tutto esplicito e all'acqua di rose.

Credo che raramente si sia visto un attore così bravo e contemporaneamente così incapace a selezionare i film a cui partecipare come Robin Williams. Quanti film avrà azzeccato in carriera? 3-4 direi io e il resto sono sceneggiature davvero improponibili, come questa.

22 commenti:

EmmeBi ha detto...

Mah, nell' Uomo dell'Anno c'è qualcosina di più da salvare oltre i primi preziosi 20 minuti. Cmq, de gustibus.
Ma non provare a dire male del fantastico "Sesso e Potere" :-).

gparker ha detto...

Qualche battutina di Robin Williams...
No neanche sesso e potere mi è piaciuto, pure lì a parte lo spunto interessante il resto si perde....

l. ha detto...

io robin williams non lo reggo più.
mi snerva persino la sua faccia.
e pure il suo doppiatore italiano.

Aury ha detto...

il film non l'ho ancora visto, ma sull'incapacità di Robin Williams nel selezionare i film non posso che essere d'accordo... :)

Aury

gparker ha detto...

Si è veramente incredibile.
E' come John Travolta che ogni volta risorge quando azzecca il film giusto e poi però ripiomba in una marea di film stupidissimi...

eMMe ha detto...

Beh insomma, tre o quattro...
Non sarebbe ROBIN WILLIAMS se avesse fatto soltanto 3 o 4 film di spessore...

Good Morning, Vietnam; Dead Poets Society; Cadillac Man; Awakenings; The Fisher King; Hook; Toys; Mrs. Doubtfire; Jumanji; Jack; Good Will Hunting; What Dreams May Come; Patch Adams; Bicentennial Man; Insomnia

Ovviamente senza citare i film animati (Aladdin, Robots e Happy Feet) e Night at the Museum come Attore non Protagonista.

Al di là di questo, L'Uomo dell'Anno è un film che fa riflettere molto a mio avviso, nonostante non sia particolarmente ben riuscito:

(...) L'Uomo dell'Anno è un film di satira e critica politica mascherato da commedia romantica: Barry Levinson sceglie di non andare oltre, di non infierire e di non suscitare polemiche (...)
(...) L'intento della pellicola è quello di scuotere le coscienze dei cittadini nei confronti del mondo politico, cercando di scuotere i politici stessi dal perseguimento esclusivo dei loro interessi personali a scapito della cittadinanza (...)

Buona giornata!

eMMe ha detto...

Concordo invece su John Travolta, perchè effettivamente ha girato pochi grandi film, e sulla sparizione di Jeff Goldblum.

E non ricordategli che, tra i rifiuti eccellenti, ha rifiutato anche il ruolo da protagonista in Chicago ;-)

Buona giornata!

gparker ha detto...

Beh secondo me Patch Adams, Toys, L'Uomo Bicentenario, What Dreams May Come, One hour Photo, Jack, Il re Pescatore e Risvegli sono film sbagliati.

Anche John Travolta cmq è John Travolta pur avendo sbagliato molti film...

Moviesat ha detto...

Ciao, è proprio un bel blog, passa a trovarmi, anche io parlo di cinema :) in un modo un po particolare, ma è sempre cinema :)

Moviesat ha detto...

non ti ho lasciato l'indirizzo :) www.movie-sat.com

eMMe ha detto...

Tra quelli che hai elencato, One Hour Photo non l'ho citato perchè non lo ritengo un film di grande spessore, pur essendomi ovviamente piaciuta l'interpretazione di Robin Williams che ho trovato molto curata.

Degli altri, alcuni riconosco che possono essere a tratti ingenui e/o semplicistici, altri imperfetti, ma a mio avviso sono tutti film buoni / più che buoni che incidono davvero nella carriera di un attore e regalano grandi emozioni.

John Travolta è un ottimo attore che a mio avviso ha fatto pochi film di grande spessore, Robin Williams è un fuoriclasse della recitazione con una lunga carriera alle spalle con tanti bei film, anche se il tuo riferimento ad alcune scelte bizzarre e sbagliate è sicuramente calzante, e potrebbe riferirsi anche ad altri attori, come Robert De Niro o Eddie Murphy.

Purtroppo anche le celebrità più grandi perdono smalto col passare degli anni, li vorremmo conservare e poterli rivedere sempre al loro massimo splendore...

Ma sto chiaramente divagando adesso ;-)

Buona serata!

gparker ha detto...

Capisco quello che vuoi dire ma a me sembra più che altro che Robin Williams proprio li scelga male.
Cioè Robert De Niro fa un sacco di cose stupide, ma soprattutto commerciali, magari sono stupide ma incassano e soprattutto i suoi film buoni (o anche solo medi) mi sembrano ad occhio di più degli stupidi, mentre Eddie Murphy non ha sbagliato un colpo per tutti gli anni '80 poi è proprio caduto in disgrazia.
Robin Williams mi sembra invece che abbia sempre fatto tre film sbagliati (cioè nè belli nè di successo) e uno buono.
Poi che sia molto bravo non lo metto in dubbio. Anzi.

frankie666 ha detto...

Eppure... A me Barry Levinson non mi ha mai deluso. Persino Bandits l' ho trovato un buon film...

Mariolone ha detto...

Concordo su bandits....a me cmq questi fim americo-presidenziali piacciono tutti indistintamente

Andy Versus detto il Ra ha detto...

Cmq la cosa geniale di quel video è quando Walken inizia a volare... geniale.

sarathehutt ha detto...

Non sei il solo ad essere malato: anch'io ho un'amore spasmodico per il video Weapon of Choice. Non posso più guardare nemmeno Il Cacciatore senza urlare al buon Christopher di ballare

gparker ha detto...

Quel video è ufficialmente la mia droga.
Il massimo dello straniamento dal film per colpa di quel video l'ho raggiunto con Minuti Contati film del 1995 (periodo vicino a quel video) tutto ambientato in un centro commerciale.
tutt'ora non mi spiego perchè non volasse anche lì.

frankie666 ha detto...

MA di che video parlate?

gparker ha detto...

Quello di Weapon of Choice con Christopher Walken è linkato all'interno del post.

gparker ha detto...

vedi che a non leggere i post poi rimani tagliato fuori dalle discussioni?!?!

frankie666 ha detto...

diamine non so che dire...

frankie666 ha detto...

Questo video è meraviglioso.