14.12.07

Blade Runner: The Final Cut (id., 2007)
di Ridley Scott

Share |

Ci lamentiamo sempre delle distribuzioni ma quando è arrivata notizia di un Final Cut di Blade Runner destinato ai DVD ad alta definizione (totalmente rimasterizzato, senza più la voce off e con minuscole modifiche e correzioni di errori) in molti si sono augurati un ritorno nelle sale del film, anche negli Stati Uniti (segno che nemmeno lì era scontato) e così è stato anche da noi. Certo non è stato facile vederlo, in una città come Roma è stato 2 settimane in un cinema solo, tuttavia c'era.

Detto questo è difficilissimo approcciarsi ad un film simile, non tanto per la sua grandezza quanto per l'aura che ha assunto e per l'importanza che volenti o nolenti ha assunto nei decenni. Prima ancora di vincere come pellicola infatti Blade Runner ha vinto come fenomeno, ha segnato il cinema e i costumi.
Io poi era veramente molto tempo che non lo rivedevo, tanto da non ricordare più come era l'originale e avere qualche vago ricordo del primo director's cut. Non dico che è stato come vederlo la prima volta ma molte immagini le avevo sicuramente dimenticate. E poi non l'avevo mai visto al cinema.
E' difficilissimo approcciarsi ai mostri sacri del cinema ma per fortuna là dove il cervello ha delle difficoltà arriva il corpo. Le immagini continuano ad ossessionarmi, non penso ad altro.
Blade Runner continua a vincere (e vincere bene) a decenni di distanza e la sua è una vittoria che è prima estetica che contenutistica (dei contenuti infatti non parlo perchè già si è (giustamente) detto tutto il dicibile). L'incredibile operazione di Scott infatti è stata usare gli strumenti corretti, la musica di Vangelis (misteriosamente perfetta), l'universo immaginifico di Moebius e Enki Bilal, il linguaggio dei noir anni '40, tutto per i contenuti di Dick (rispettati come poche volte capita). Di Scott c'è veramente poco, ma il suo lavoro è stato veramente quello del regista: coordinare le varie parti, i contributi di altre intelligenze per creare qualcosa di nuovo e di coerente, una visione delle cose che parte solo da contributi esterni ma approda a soluzioni nuove.
L'uso che fa dell'acqua è un ottimo esempio. Gli elementi, sia atmosferici sia naturali, sono infatti una parte fondamentale del noir, sempre molto legato all'atmosfera (nel senso metereologico) e la poco realistica sovrapresenza di acqua (dalla pioggia, alle stanze allagate, ai vestiti bagnati, ai replicanti sempre bagnati anche al chiuso) è una delle componenti più importanti nel creare la coerenza di un mondo a tinte forti.
Quello che manca al Ridley Scott di oggi è proprio ciò che rende grande Blade Runner, la volontà e l'impegno di cercare tante fonti di ispirazione diverse, cercare instancabilmente per ogni componente della messa in scena il riferimento perfetto, l'abbinamento più adatto. In una parola: l'impegno.
Non avevo mai notato poi quanto il regista sia stato rigoroso nel dirigere il film. Più che per Alien e I Duellanti, la macchina da presa si muove pochissimo e solo in modi essenziali, il montaggio è molto sobrio e all'insegna dell'invisibilità, tutto il contrario dello stile modernista e della saturazione visiva che invece propone nelle immagini.
Inoltre è cortissimo Blade Runner, solo 90 minuti, i personaggi sono solo accennati (il replicante ribelle e sanguinario, il cacciatore disperato e solo, il replicante triste in cerca d'amore...) e l'intreccio è veramente minimo (Deckard li trova tutti e 4 subito e loro in un attimo arrivano dal loro creatore), perchè è lo scenario a contare. Sembra quasi che possa succedere di tutto in Blade Runner anche un finale lieto (come era) senza che se ne intacchi la potenza, poichè il segreto è da un'altra parte, è in quell'universo fatto di raggi B che balenano nel buio, di pioggia costante, di lunghi e lenti viaggi in macchina volante con i tagli della luce del sole sul volto di Harrison Ford e di strutture piramidali, fatto di Asia preponderante e di muri e scenari rovinati come lo sono gli uomini che vi prendono parte, tutti accennati e sfuggevoli.

Tuttavia cosa c'è che a 25 anni di distanza non regge più? A mio parere la scena d'amore tra Deckard e Rachel con il sassofono di sottofondo, che è proprio banalmente noiresca e suona oggi come una caduta di stile e l'intellettualismo sfoggiato dal replicante "eletto". Incredibilimente invece regge la tecnologia futuristica, anche se assolutamente sbagliata, ancora analogica ed evoluta in direzioni che non stiamo assolutamente seguendo. Se nel 1982 poteva essere la tecnologia del futuro, oggi che non lo può più essere, continua tuttavia a reggere creando ancora più la sensazione non di un mondo futuro ma di uno parallelo.

Non nego ad ogni modo che nel momento fondamentale, poco prima dell'attacco del discorso finale, delle memorie perse come lacrime nella pioggia, mi è quasi venuto da ridere tanto mi sembrava che questa volta Rutger Hauer esitasse a pronunciarlo per creare attesa. Nei secondi che lo hanno preceduto, quelli in cui lui e Harrison Ford si guardano sotto la pioggia, mi era venuta una voglia incredibile di urlare nel cinema silenzioso: "Vai parti!". Tanto lo aspettavamo tutti quel momento.

43 commenti:

Lui ha detto...

Quel "vai parti!" finale mi ha fatto ridere un sacco, perchè mi ci ritrovo in toto.

gparker ha detto...

Si era nell'aria, lo stavo veramente per dire.

Comante Eginetico ha detto...

« Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi.

Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione,
E ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhäuser.
E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo...
come lacrime nella pioggia.


È tempo...di morire. »

Ragazzi, parliamo di un capolavoro.

gparker ha detto...

che poi mi devo informare se quella frase sia della novella di Dick o una creazione per il film...

SVVV ha detto...

rispondo io su quest'ultimo punto poichè ho letto "ma gli androidi sognano pecore elettriche?"

NO. completa invenzione di Scott. Lo è l'intero monologo che nel libro non compare affatto. Così come la trattazione del personaggio di Rutger Hauer che nel film è estremamente delineata (al pari di un coprotagonsta) mentre nel libro non ha una grande importanza: si perde tra i personaggi di contorno, seppure presentato nelle scene finali e quindi decisive.

Comante Eginetico ha detto...

grande SVVV!

Noodles ha detto...

Che invidia. Vedere il final cut e al cinema! La recensione trasuda felicità e partecipazione da ogni poro, come è giusto. Attenderò l'uscita in digitale...

giulai ha detto...

E io alle 23.30 dormivo, per la prima volta da, boh, 14 anni a questa parte...

gparker ha detto...

Grande SVVV questp sì che è essere commentatori attivi!

La prima cosa che ho pensato, come mi capita spesso dopo questo genere di eventi è che sono veramente fortunato a vivere dove vivo.

Giulai che ti sei persa...

SVVV ha detto...

ps: aggiungo che invece tutto il dialogo nel quale lei viene sottoposta al test Voigt-Kampff è identico al libro, parola per parola.

...

post-ps: noto che qualcuno non mi ha avvertito per la visione di gruppo.

gparker ha detto...

sai con chi prendertela

SVVV ha detto...

dicono tutti così...

frankie666 ha detto...

svvv gparker ti mancò di rispetto.
Adesso per te, io lo sfiderò ad un duello alla sciabola domani mattina all'alba.
Nei boschi di castel fusano ad Ostia.
Si prepari messer parker e accetti il mio guanto di sfida.

gparker ha detto...

A castel fusano con sciabole non offensive? O Non-nonoffensive?

frankie666 ha detto...

non offensive eh...
Poi sennò non potresti aggiornare il blog sull'esito della sfida...

Mariolone ha detto...

vi presto io degli attrezzi adeguati...potreste anche fare un duello con armi da soft air...ne ho una vasta gamma

frankie666 ha detto...

mariolone ce li hai i proiettili per i revolver da soft air?
Io ho una 357 Python ma mi sono perso i proiettili in cui infilare le palline, te li pago oro colato.

Mariolone ha detto...

no mio caro non ho mai usato quel genere di armi...sono stupende ma poco pratiche per i tornei...cmq chiedo a qualche mio vecchio...compagno..no,non è il termine esatto....camerata...hmm...anacronistico pure questo...collega

Anonimo ha detto...

SVVV brava, e pure bona!

frankie666 ha detto...

se me le trovi sono disposto a fare qualunque cosa. La mia forza combattiva si è assopita quando la mia pistola non ha più potuto funzionare. Se torna alla vita potrò di nuovo udire lo spirto guerrier ch'entro mi rugge.

SVVV ha detto...

uuuuuuuuhhhh ho un ammiratore anonimo pure io.........

parker, a quando la posta del cuore?

fan di GParker e SVVV ha detto...

Scusami, G. ma quando dici "totalmente rimasterizzato, senza più la voce off e con minuscole modifiche e correzioni di errori" ebbene non capisco veramente dove sia la differenza con il FINAL CUT del 1992 che già presentava il film senza voce off e senza lieto fine e con qualche color correction sui lampi blu che escono dalle pistole quando sparano (con quel montaggio che inoltre rivela Deckard essere un replicante, ecc...). Forse sono stati eliminati i cavi che sollevavano le auto volanti e convertito il tutto in vesione HD. Infine, che vuol dire DVD ad alta risoluzione? La risoluzione è quella 720×576, più su serve un Blu-Ray o un HD-DVD.
Illuminaci.

gparker ha detto...

Devi aver letto male è DVD ad alta DEFINIZIONE e non risoluzione che come dici tu è 720x576 per i DVD e doppia (non ricordo le cifre esatte) per HD DVD e Blu Ray.

Riguardo i cambiamenti della nuova versione sono per l'appunto la rimasterizzazione in chiave alta definizione, poi l'eliminazione di alcuni errori che come dici tu vanno dai cavi alla morte del primo replicante, la spogliarellista, sequenza nella quale si vedeva ad un certo punto che invece dell'attrice c'era una controfigura e che è stata rigirata (sic!).
In più ci sono delle minuscole aggiunte difficilmente percettibili e la voce off è totalmente levata perchè se non ricordo male nella versione del 1992 qualcosa era rimasto della voce off.
Il finale è il medesimo del '92, anche perchè quella era la versione di Scott e quindi quella rimane.

Si è poca roba, ma bisogna pensare che in molti luoghi il film è stato proiettato in digitale a 2K, un'esperienza che merita il ritorno in sala.

SVVV ha detto...

anonimo, potevi scrivere subito "fan di svvv"... avrei riconosciuto lo stile...

fan di gparker e svvv ha detto...

Anche se quel finale con la macchina di Deckard e Rachel che corre per una strada in mezzo alla natura "prestate" da Kubrick a Scott come scarto di montaggio da Shining è meraviglioso...
Secondo me è bello che il film sia così banalmente romantico . La scena di cui parli, con tanto di sax di sottofondo (cristo, è sempre un sax di Vangelis!) è bella per gli stessi motivi per cui tu la trovi datata. Così come Sean Young che fuma e sembra una cartolina da video dei Duran Duran. Poi Scott è contemporaneamente il regista della pubblicità di Apple "1984" fratello maggiore di quello Scott regista di Top Gun, e insieme in quegli anni hanno creato l'iconografia patinata di un decennio. E' una questione di punti di vista.

BenSG ha detto...

Grazie alla mia veneranda età (beh, insomma... 39 annetti), vidi la PRIMA versione al cinema (più di una volta, tra l'altro) e... scusate tanto, ma io mi tengo stretta quella, alla faccia di Scott e dei suoi rimaneggiamenti! "Blade Runner" senza la voce off non è il film che ho conosciuto e amato sin da subito.

Amen.

;o)


BenSG

gparker ha detto...

Anche tu hai le tue ragioni. Io l'originale ormai a furia di anni e rimaneggiamenti ammetto di non ricordarla più e sto cercando di rimediarla.
Appena la vedo ti dico...

fan: tony scott è veramente la pecora nera della famiglia, non ha diretto nemmeno un film passabile....

tony ha detto...

E poi, alla scena finale del monologo, hanno aggiunto lui che, prima di parlare, si tocca i maroni e si schiarisce la voce.

il tuo fan ha detto...

Ottimo, BenSG.
Gparker, non te lo tocco Scott (Ridley) stai tranquillo. Intendevo trasmetterti altro. Nessuno sta qui ad insegnarti che Scott (Tony) - hey! come il nostro Tony! - sia un regista che ha campato sulle spalle del fratello, semplicemente è bello ricordarti che i fratellini erano due ottimi fotografi che hanno introdotto un uso innovativo dei filtri, delle dominati, degli obbiettivi e la fotografia degli anni '80 deve loro tantissimo. Che poi solo uno dei due fosse anche un bravo regista è tutto un altro discorso. Entrambi facevano tante pubblicita per la TV, tutte levigatissime e in quegli anni, ripeto, non esisteva nulla di simile. Blade Runner è anch'esso frutto di quelle ricerche sul linguaggio visivo.

gparker ha detto...

E' su questo che non concordo.
Mentre Ridley Scott dall'esperienza pubblicitaria ha portato nel cinema una sana passione per l'estetica in grado anche di travisare volontariamente i confini del fotorealismo (spesso le sue immagini sono "sbagliate" nel senso che la luce arriva da punti diversi anche all'interno di una medesima scena solo perchè è più bello così), Tony Scott non ha portato nulla al cinema americano di estetico.
Top Gun fu un film importante a livello popolare ma non per la fotografia (le "innovative" immagini degli aerei erano materiale militare quindi la massimo il montaggio è stato buono ma io direi nemmeno quello perchè la comprensibilità di quelle scene è bassissima), quanto più per i contenuti, per come incarnava l'edonismo reaganiano e il mito dell'uomo forte.

frankie666 ha detto...

Tony Scott ha portato al cinema L'Ultimo Boyscout.
Siamo nell'orbita del capolavoro.

gparker ha detto...

un'orbita mooolto ampia e lontana dal nucleo. Molto.

BenSG ha detto...

gparker, sei troppo cattivo: "L'ultimo boyscout" è un OTTIMO film d'intrattenimento e non scordiamoci che il fratello scemo di Ridley ha diretto anche un'altra chicca, ovvero "Una vita al massimo".

Certo, bisognerebbe anche sottolineare che gran parte del merito della riuscita dei film sopra citati è dovuto a due bravi sceneggiatori: Shane Black per il primo ed un certo Quentin Tarantino per il secondo...

Ciau!


BenSG

Anonimo ha detto...

@gparker @svvv
La frase finale "Ho visto cose..." NON è farina del sacco di Scott, bensì dello stesso attore Rutger Hauer che la sottopose a Scott. Il quale, per fortuna, la accettò.
HB

gparker ha detto...

Mi sembrava di ricordare questa cosa di Rutger Hauer ma non ero sicuro...

BenSG, no guarda a me il cinema di Tony Scott proprio non mi piace non mi convince nemmeno come pure intrattenimento. Mi sento trattato senza rispetto!

stella ha detto...

A tutti voi (inclusi Ben SG e quel fan): guardate di Scott "Miriam si sveglia a mezzanotte" con Bowie e Cathrine Deneuve. Madonna che gran film! gparker, l'hai visto? che ne pensi?

gparker ha detto...

No non l'ho visto ma dato il tuo consiglio lo recupererò.

stella ha detto...

Ah... ecco perchè non dai nessuna possibilità al lavoro di Tony Scott. Sul serio ti manca un pezzo. Le immagini in quel film sono stupende. Gran lavoro.

BenSG ha detto...

@Stella:

pensa che "Miriam si sveglia a mezzanotte" fu uno dei primi film vietati, anche se ai minori di 14 anni, che vidi al cinema! Insomma... magari lo dovrei rivedere ora. Certo, fu il debutto di Scott nel cinema...

Ciau!

BenSG

fan di gparker ha detto...

a chiudere questo bel post dico a BENSG che invidia! a STELLA brava, cerca di perforare quelle prese di posizione parkeriane con punti di vista nuovi e interessanti, a GPARKER sei il leader d'opinione che aspettavamo, sei bello da leggere, ma cerca di tenere questa sede più rilassata, alla fine sei riuscito a creare un bel luogo in cui incontrarsi e confrontarsi. infine a SVVV che dio ti benedica.

fan di Gparker ha detto...

Ah sì, infine a TONY (il nostro) dico: ma come , finalmente il post sul tuo film preferito, occasione di speculazioni e polemiche su polemiche, giostra del tuo sofismo, e tu c'hai messo proprio del tuo meglio. Mi hai conquistato.

gparker ha detto...

Quest'anonimato è sempre più precario.

Torakiki ha detto...

Tutta la fantacienza di un certo periodo ha completamente sbagliato la VERA direzione presa dalla tecnologia oggigiorno. Bastio pensare a Strange Days... Oggi come oggi, che usa più il minidisc ( morto praticamente subito ) ?

Certo che se ci fossimo VERAMENTE tecnologicizzati in modo più analogico tutto sarebbe più divertente! ^^