2017/2018

2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

10.1.12

Millennium - Uomini che odiano le donne (Millenium - The girl with the dragon tatoo, 2011)
di David Fincher

Se non si è già amanti della trilogia letteraria il primo adattamento fatto dai romanzi di Larsson, quello svedese per intenderci, era insostenibile. Non sfruttava gli spunti lasciati dalla storia e la metteva in scena come un giallo Mondadori.
Fincher, sebbene ricalchi quella trama in maniera quasi identica (cioè tagliando quel che della storia era stato tagliato da quel film e tenendo quel che era stato tenuto), imprime un altro passo, altri volti e un'altra idea di cinema alla storia di lenta scoperta di un omicidio avvenuto anni prima. Eppure sembra sempre lontano.

L'impressione che si ha uscendo dal cinema dopo aver visto Millennium - Uomini che odiano le donne, è di aver visto un buon film di cui al regista importava poco. Fincher sembra avere sempre la testa da un'altra parte mentre mette in scena le peripezie di Lisbeth e Mikael Blomkvist.
Tutto si svolge linearmente e l'intreccio è chiaramente ben raccontato, addirittura mostrato con qualche guizzo, ma per l'appunto i momenti più significativi sembrano essere quelli totalmente estranei alla trama in senso stretto, cioè allo svolgersi degli eventi inerenti alla scoperta dell'assassino. Di tutto quel sottile piacere di raccontare un meccanismo ad orologeria, uno scontro di intelligenze, una lenta scoperta, una tenace lotta per raggiungere un obiettivo non c'è traccia.

Il suoi due detective, sono privi di verve o di un approccio particolare al loro compito e brillano di interesse (come del resto la fantasia del regista) solo quando fanno altro. E' il caso della scena della violenza sessuale subita da Lisbeth, musicata dal solito Trent Reznor a partire dal rumore di un aspirapolvere da ufficio che lentamente diventa musica ossessiva per la violenza in corso, o dei momenti iniziali, quando Blomkvist vede crollare la sua credibilità professionale o ancora di quel contrasto di corpi nello spazio indifferente della metro durante lo scippo. Il resto è davvero accademia, cinema ben fatto ma senza passione.

Menzione speciale per i titoli di testa, un vero videoclip. Ma dei migliori. Un incubo di corpi, melassa nera e prese USB.
Posta un commento
Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.