2017/2018

2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

2.2.08

Sogni e Delitti (Cassandra's Dream, 2007)
di Woody Allen


POSTATO SU
Sbandierato come un film medio, o così e così, da chi l'ha visto a Venezia Sogni e Delitti si rivela il pezzo da maestro che doveva essere.
Sulla strada di Match Point ma più in là per gusto, abilità e agio nel raccontare una storia drammatica con risvolti thriller il nuovo film di Woody Allen corre sempre sul crinale tra dramma e grottesco, potrebbe sconfinare mille volte nella farsa o nella parodia del genere, alle volte basterebbe anche solo un lume fatto cadere per sbaglio in più. E invece non lo fa.
Scritto con la consueta abilità e complessità Sogni e Delitti racconta per la prima volta nel cinema di Woody Allen una storia di una famiglia umile in maniera seria. Certo c'è uno zio ricco e una fidanzata inserita nel giro che conta che garantiscono ad Allen un bel po' di scene da upper class (sospiro di sollievo) ma il cuore della faccenda, i due fratelli, è una storia di scalata sociale (come Match Point) e di criminalità data dalla necessità (come Match Point), di perdizione per la passione torbida provata per una donna attrice (come Match Point), in un mondo dove a dominare è il caos e il caso (come Match Point).
Sogni e Delitti è indubbiamente un film d'altri tempi, c'è tutto il cinema classico, dall'uomo che nasconde in sè sempre un potenziale omicida (Lang), al confronto interiore con il divino (Rossellini, Bresson), fino chiaramente all'ironia anche nel dramma (Hitchcock).

Ma dopo la visione di Sogni e Delitti la cosa che più acquista senso è Match Point, ora inscritto in un filone più definito, i cui intenti e la cui visione di mondo è adesso più chiara perchè reiterata in questo film (il vestito, i toni e la parlata di Hayley Atwell sono praticamente gli stessi di Scarlett Johansson e sono quindi la cifra della dark lady tutta particolare di Allen). Se nel film precedente era uno l'elemento del caso che decideva le sorti della storia, qui il caso agisce senza regole e di continuo. Tutti i colpi di scena sono sempre frutto della fortuna o della sfortuna dando l'idea che i protagonisti controllino veramente poco della loro vita nonostante le forti decisioni che prendano.

Con un'attenzione maniacale ma incredibilmente sempre diversa per le immagini, Allen fotografa il suo ultimo film con la solita profondità di campo (incredibili le prospettive che riesce a dare alla città, specialmente per come prende i palazzi sullo sfondo) ma indugiando di più sui protagonisti stretti nelle inquadrature, mirando a connotare i due fratelli prima di tutto esteticamente nelle loro diversità (tuta da meccanico contro camicia e giacca) ma soprattutto nelle loro uguaglianze (incredibile come in certi punti sembrino davvero fratelli!), e raccontando il dramma senza indugiare sui particolari trucidi (la morte avviene sempre fuori campo, per negazione), in fondo non è quello che gli interessa.

Sì mi sento di poter confermare il mio pregiudizio. Anche questa volta ci troviamo di fronte al miglior cinema possibile.
Per la cronaca nella prima sera in cui era possibile vedere il film il nuovo film di Woody Allen, nella sala in cui sono andato c'era anche un altro membro della famiglia Niola. Bene così, due è il minimo.
Posta un commento
Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.