13.9.07

Sapori e Dissapori (No Reservations, 2007)
di Scott Hicks

Share |


E invece non è troppo una cretinata. Che poi uno ha sempre i pregiudizi per questi film che hanno tutti la medesima struttura applicata a contesti diversi (lei conosce lui, litigano e battibeccano ma intanto si innamorano, si mettono insieme, lei pensa di sgamare un tradimento morale o effettivo di lui, si lasciano, lei scopre casualmente che in realtà non era stata tradita ma lui si era rifiutato di tradirla, lieto fine) ma Sapori e Dissapori è indubbiamente ben fatto.
Per ben fatto non intendo solo che è molto ben interpretato (più del solito), molto ben raccontato e ben fotografato, ma anche che vengono prese delle decisioni da film serio. Per dirne una la bellissima Catherine Zeta-Jones è ritratta in tutta la sua "anzianità" con rughe, occhiaie ecc. ecc. oppure c'è l'elemento fortemente drammatico (e riuscito in questo senso) della bambina orfana di mamma che sta con la zia Catherine e soprattutto proprio la bambina attrice (quella di Little Miss Sunshine, che non a livello dei veri talenti come Haley Joel Osment (ma che fine ha fatto???) o Dakota Fanning) è diretta benissimo ed utilizzata al meglio. Insomma viene introdotta una complessità che riesce ad andare anche oltre le strutture classiche della screwball comedy.
Certo c'è un po' da ridere per tutti i riferimenti che vengono fatti a Pavarotti e all'Italia, la cucina italiana e gli stereotipi italiani, quelle cose che ti fanno un po' inorgoglire e un po' vergognare per la banale stereotipizzazione della nostra cultura.

9 commenti:

Noodles ha detto...

In fondo sono belle queste... sorprese cinematografiche, film da cui non t'aspetti niente e che poi risultano meno banali di quanto pensassi. Però a me la Fanning continu a essere indigesta; meglio Osment... purtroppo disperso, è vero.

frankie666 ha detto...

questi sono quei film che se li dai in mano ai coen diventano capolavori...
Vedi "Prima Ti Sposo E Poi Ti Rovino".

gparker ha detto...

Si a chi si sa muovere nelle piege delle regole hollwoodiane.

A me la Fanning piace molto e Osment era bravissimo però ora chissà....

auliya ha detto...

No, no, no e poi no. Per partito preso, nonostante non l'abbia visto, continuerò ostinatamente a sostenere che la versione originale europea era mooooolto meglio.

gparker ha detto...

Dai! Ma come per partito preso!!
Posso capire la faziosità nella diatriba cinema europeo/cinema americano, ma alle volte gli stati uniti possono sorprendere.

Comunque io non sostengo da nessuna parte che sia meglio dell'originale, dico che (forse proprio perchè viene da un testo europeo) come commedia sentimentale americana è molto meglio della media.

Andy Versus detto il Ra ha detto...

ma se mi faccio fare dal chirurgo plastico quella fichetta che c' ha lui sul mento tu che fai gparker?

frankie666 ha detto...

Merveilleux.
Questi ultimi commenti del ra, così sporadici, situati in posti introvabili e dai contenuti surrealistico-volgari creano in me un senso di arte.
Si è una forma di arte, ne sono convinto: sono gemme incastonate nella pietra di questo blog. Perle rare....

auliya ha detto...

Questa è una delle mie fissazioni che non si possono spiegare. Non bisogna sempre prendermi sul serio...

akiro ha detto...

no, infatti, non è una cretinata... di più! 8D
prevedibile, solita commedia con lui, lei ed il bambino/a.. solita donna in carriera e soliti opposti che s'attraggono.
Se questa è una commedia brillante...