2017/2018

2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

27.11.11

Miracolo a Le Havre (Le Havre, 2011)
di Aki Kaurismaki

Ostinatamente dalla parte dei più poveri ("Non saprei che dialoghi scrivere per dei personaggi ricchi") e cocciutamente intenzionato a costringere i suoi attori in minime espressioni facciali e movenze limitate, l'unico regista ad essere mai riuscito a far uscire i propri film fuori dalla Finlandia continua imperterrito a portare avanti una politica di umiltà straordinaria.

Senza rinunciare, a suo modo, ai generi e in particolar modo al noir (che concepisce unicamente in maniera "classica" cioè fino al 1962 e non dopo), anche Miracolo a Le Havre racconta una storia di polizia, criminalità di piccolo stampo, uomini in contesti sottourbani che navigano impassibili tra le difficoltà del vivere che la cronaca racconta. 
Racconti surreali e astratti di fatti contingenti e reali. Stavolta è l'immigrazione clandestina al centro della vite di alcuni abitanti di Le Havre e in particolare di un lustrascarpe. Ma come sempre al di là dell'intreccio a Kaurismaki interessa il paesaggio urbano e umano, uno stile di vita incredibile eppur paradossalmente reale.

In un ambiente chapliniano il regista finlandese fa muovere i suoi zombie emotivi, personaggi che sembrano ripetere in maniera coatta la loro routine, senza crederci mai, covando in fondo agli occhi una speranza nascosta che, è evidente, non si realizzerà.
Con un umorismo che sembra venire fuori dall'improvvisa presa di coscienza del regista stesso dell'assurdità di quel che sta girando e i soliti colori saturi e spaventosamente uniformi (il rosso-Kaurismaki lo si riconosce tra mille), quest'ultimo quadro, tra i molti della carriera di Kaurismaki, vuole fortemente apparire come il più ottimista grazie ad un finale conciliante, eppure la disperazione è la medesima di sempre.
Posta un commento
Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.