27.2.09

Live! (id., 2007)
di Bill Guttentag

Share |

POSTATO SU
Destinato ad avere un po' di risonanza in Italia poichè il tema è all'ordine del giorno Live! è un film del 2007 che ancora non è uscito negli Stati Uniti.
Al centro ci sono i reality e anzi il film racconta proprio la genesi di un reality show dall'interno del meccanismo, dal punto di vista cioè del network, per capirne i meccanismi e metterne in scena la logica spietata. E già in questo prende una posizione, condizionando l'intera fruizione del film che si rivela irrimediabilmente a tesi.

Certo poi è molto facile posizionarsi rispetto alla trama, il reality cui si vuole dar vita è dei più estremi possibili: 6 concorrenti si sfidano alla roulette russa, chi non muore vince 5 milioni di dollari.
Un paradosso che viene portato indubbiamente bene sullo schermo da Bill Guttentag che segue la sua protagonista dall'ideazione alla realizzazione con lo stratagemma del documentario (nella finzione del film le immagini che vediamo sono riprese da una troupe che realizza un documentario sulla nascita di un reality) e lo fa con partecipazione e cercando di insinuarsi nelle pieghe perverse delle logiche commerciali del network non senza una certa ironia.

Ma il film vede il suo picco nel finale, quando lo show dopo tanta pianificazione, tante polemiche e tante difficoltà va in onda e i 6 concorrenti fanno la roulette russa. A quel punto l'idea forte è di cercare una vera empatia e di mostrare il lato onestamente accattivante di qualcosa così macabro.
Mentre per tutto il film abbiamo deprecato il cinismo dell'idea e la stupidità dei concorrenti quando lo show si materializza la tensione è altissima e si comprende come anche nella realtà sarebbe difficile non guardare una cosa simile. Se non altro per capire se si ammazzeranno davvero o meno.

Peccato che oltre questo non ci sia una vera messa in discussione di quella che, nell'ambiente del pubblico cinematografico, è l'idea prevalente cioè la condanna senza remore del reality. E una condanna senza remore è sbagliatissima a prescindere, perchè una categoria non è il suo contenuto.

7 commenti:

Mariolone ha detto...

magari li facessero così anche in Italia.....mooolta meno genteinutile in giro

Anonimo ha detto...

Sarà che hai ragione, e ce l'hai, ma riesce veramente difficile non assumere un certo attegiamento di parte verso i reality o perlomeno verso alcuni reality. Il film mi pare anche interessante alla luce di nuovi fatti che mi hanno in qualche modo sconvolta. Una donna inglese, divenuta famosa grazie a dei reality, sta morendo di cancro all'utero mi sa e sta facendo un realtity su questo. Il network (non ricordo quale) seguirà per filo e per segno le sue ultime otto settimane di vita. Lei lo fa per lasciare in eredità ai figli i miliardi, il network lo fa per guadagnare sempre più miliardi...
Io non so che pensare, sinceramente...
Ale55andra

gparker ha detto...

il punto è che non possiamo diventare la chiesa. Noi la pensiamo in una maniera ma non possiamo postulare che: A) abbiamo ragione comunque B) occorre impedire agli altri di fruire di quello che gli piace C) tutto ciò che appartiene a quella categoria è sbagliato

Non è tanto l'argomento i reality quanto la presa di posizione che trovo stupida, perchè poi critichiamo la chiesa non per quello che dice ma perchè non prevede che altri possano fare altre scelte.

frankie666 ha detto...

il fulcro del film sono i reality? In un film co Eva Mendes?
I REALITY?!

Udo Kier ha detto...

frankie666, non te l'ho mai detto.
ma tu hai capito tutto. tutto.

frankie666 ha detto...

grazie UDO.

Sui reality cmq stavo pensando ad un grande film anni 80: L'implacabile.

gparker ha detto...

sai che c'avevo pensato anche io? A L'Implacabile dico non al fatto che hai capito tutto...