2017/2018

2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

7.4.08

Gone Baby Gone (id., 2007)
di Ben Affleck

Ben Affleck sa scrivere questo lo si sapeva, o meglio lo si sospettava. Perchè l'idea che sia un mezzo scemo facevo fatica a levarmela dalla testa, nonostante la scrittura a quattro mani con Matt Damon di Will Hunting, ma ora con il buon exploit alla regia di Gone Baby Gone non mi sento più di avere riserve.

Il film infatti viene da un libro e compie un buon adattamento, nel senso che la storia scorre e non sembra quell'accozzaglia di fatti ipercompressi di quando si cerca di ridurre maldestramente. Nonostante accadano moltissime cose Ben Affleck affronta il racconto con molta tranquillità rifuggendo più che può la frenesia hollywoodiana e soprattutto adottando uno stile molto sobrio e controllato. Il risultato è un film che non resterà negli annali ma che ti fa uscire soddisfatto dal cinema per aver visto qualcosa che ti ha coinvolto e che soprattutto ti ha raccontato per bene una storia.

Ma ancora di più nonostante non siamo di fronte ad un capolavoro del cinema quello che stupisce è la chiara visione delle cose di Ben Affleck. Ogni elemento del film dalle luci, alle scene, al cast, alla musica è in tono con lo spirito della sceneggiatura, ogni cosa punta a dare un'idea di mondo che non sarà il massimo dell'originalità ma è in linea con quella di Will Hunting ed è qualcosa. Per lo meno è qualcosa.
Cioè Gone Baby Gone non offre il solito spettacolo di suspense ma lo incastra in un mondo dotato di suoi valori e di una sua coerenza interna, dunque oltre a parlare della trama del film e delle idee, dei valori e dei sentimenti dei protagonisti parla anche di qualcosa di più universale. Quel mondo di "spazzatura bianca" come la chiama Clint Eastwood in Million Dollar Baby. E lo fa con una partecipazione e una raffinatezza che non mi sarei mai aspettato.

E se per noi è la cosa più facile e scontata per chi lavora ad Hollywood scritturare per ruoli comprimari attori con facce da fame (se non alle volte non-attori), mettere in scena un'umanità realistica nei volti e nei fisici (che per gli americani vuol dire semplicemente ciccioni), non è lo standard ma una scelta precisa di staccarsi dal resto.
Ed è apprezzabile infine la volontà di aver mantenuto l'atmosfera molto poco rassicurante del libro senza scadere in visione alternative o in facili salvataggi. Nel film infatti non si salva nessuno, neanche i meglio intenzionati sono personaggi positivi e alla fine è quasi (quasi!) impossibile dire chi abbia ragione e chi torto.
Posta un commento
Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.