18.1.07

L'Arte Del Sogno (La Science Des Rêves, 2006)
di Michel Gondry

Share |


Terzo lungometraggio per il francese Gondry che finalmente ha modo di dare libero sfogo alle sue ossessioni tra sogno e la realtà. Si era dovuto accontentare di un misto di ricordi e sogni in Eternal Sunshine Of A Spotless Mind ma ora getta la maschera e qualsiasi filtro per raccontare una storia presa dalla sua vita e nella quale parla del suo mondo, del suo modo di confondere vita e sogni, del suo modo di vivere l'amore, il lavoro e la creatività. Insomma un film che pienamente ripecchi il mondo di Gondry.
Per la prima volta gli effetti artigianali per i quali è immediatamente riconoscibile non sono al servizio di una trama ma sono il centro del film ed è la trama a ruotare intorno a queste invenzioni.
Il problema sta tutto qui. Eternal Sunshine aveva l'appoggio e la scrittura del grandissimo Charlie Kaufman, era un'opera a tratti discutibile ma sicuramente ispirante, autentica e dotata di una sincera volontà di cogliere le cose nella loro complessità. L'Arte Del Sogno è autoindulgente, fine a se stesso e mira più lontano di dove realmente riesca ad arrivare.
Divertente, intrigante a tratti ispirato ma mai veramente autentico. Forse la cosa che più sa di falso è la programmatica poeticità. Peccato perchè di pregi chiaramente ne ha molti a partire dal tipo di storia d'amore che cerca di raccontare, una storia non convenzionale e leggeremente più realistica del solito (non per niente è tratta dalla vita vera), però alla fine non rimane nulla.

Una curiosità: ho visto il film in lingua originale e mi chiedo come verrà adattato in Italia. Si parlano molte lingue e questo è parte fondante della trama. Il cattivo francese del protagonista è indispensabile. Come verrà doppiato? Solo le parti inglesi saranno doppiate e il resto in originale? Sarebbe la scelta più sensata ma come è noto la ragionevolezza non è parte del mondo degli adattatori.

LE TECNOLOGIE DEL FILM

14 commenti:

kekkoz ha detto...

dal trailer si evince che sia stato doppiato tutto.

spero di sbagliarmi, ma sono quasi certo che sarà così. bah.

gparker ha detto...

io continuo a confidare che parte è in francese.Altrimenti troppe cose non si capiscono...

frankie666 ha detto...

Il resto del mondo vede film doppiati e con i sottotitoli, noi no, siamo troppo pigri... Come possiamo poi non considerarci dei provinciali...

tony ha detto...

Che bello. Già vedo nelle foto le manone del video di everlong dei foofighters. Ce l'hai presente Lele? se no scaricatelo immediatamente.

gparker ha detto...

Come no! Non ti ricordi? Mi sono comprato tutti i video e le opere di Gondry.... Sono un grande specialista.

Anonimo ha detto...

Visto al cinema. Film doppiato interamente, francis parla italiano perfettamente intercalando di tanto in tanto esclamazioni in spagnolo. L'inglese/francese/spagnolo che voi citate sono diventati nella distribuzione nostrana solo italiano. Nemmeno un sottotitolo, non sia mai che questa popolazione di cretini si sforzi a leggere delle paroline nella parte bassa del quadro. Ma io lo faro', nel divx :D

gparker ha detto...

E questo non crea delle interferenze con la trama?
Cioè in quei momenti in cui le due vicine di casa parlano francese e non si fanno capire da lui, o quando lui parla o scrive male francese e se ne lamenta...

l. ha detto...

a un certo punto lui dice "madre de dios" per il resto italiano.
che paese di peracottari!

Anonimo ha detto...

scusate ho scritto francis, volevo dire stephane, sì confermo solo qualche esclamazione in spagnolo, nessuna traccia di francese o inglese. Per quanto riguarda le incoerenze dalla visione in italiano ovviamente non risultavano assolutamente, dovrei rivedere il film nella(e) lingua(e) originale per notarle.
ciao!
pappa

hawke ha detto...

niente da dire.
Un film sopravvalutato ancora prima dell'uscita..

phoenietzsche ha detto...

Maledizione! Mi rifiuto di andare a vedere un altro 'disprezzo'... e dire che Ponti è scomparso da poco...

gparker ha detto...

Beh non ho visto la versione italiana ma da quello che sento mi sembra di capire che si perda tantissimo.

Noodles ha detto...

qualche riserva l'ha lasciata anche a me devo dire. è come se avessi bisogno di una seconda visione per capire se è stato un fraintendimento parziale o proprio siamo un po' lontani da Eternal (che ho adorato in modo scandaloso).

gparker ha detto...

Per me non ci sono dubbi sul fatto che siamo molto lontani.
Anche perchè non c'è un vero sceneggiatore, specialmente uno molto più abile della media come Charlie Kaufman, e si sente.