2017/2018

2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

2.12.08

Racconto di Natale (Un Conte De Noel, 2008)
di Arnaud Desplechin

POSTATO SU
Che sorpresa Arnaud Desplechin! Sorpresa per chi come me non lo conosceva ovviamente. In realtà ha già fatto altri film che hanno girato per i circuiti festivalieri e forse (ma non ci giurerei) sono usciti anche in Italia. Desplechin ha pure lanciato Mathieu Almaric che interpreta LeChiffre in Quantum Of Solace e che ovviamente sta anche in quest'ultimo Racconto di Natale.

Il fascino di quest'ultimo film di Desplechin viene innanzitutto da una narrazione perfetta. Racconto di Natale è davvero come primissima cosa un racconto e fatto nella maniera migliore! Con il miglior uso possibile di tutte le strategie narrative a disposizione (dagli svelamenti, alla dilatazione e contrazione dei tempi, dal dosaggio delle emozioni fino alla loro esplosione e via dicendo) in modo da risultare il più efficace e scorrevole possibile.

In seconda battuta è uno dei film che più riescono a guardare con serena modernità (e mai con il solito compianto passatismo!) alla Nouvelle Vague. Non sono solo le transizioni e i mascherini ad iride a ricordarlo ma anche tantissime altre soluzioni alcune delle quali (come l'uso martellante della musica) non appartenenti direttamente ai film del periodo, perchè non in voga, ma assolutamente in linea con quella concezione di cinema (e qui la citazione postata pochi giorni fa).

Su questa forma di racconto con mano forte del regista poi si inserisce una storia che ricorda moltissimo Bergman filtrato da Allen, cioè i film come Settembre o Un'Altra Donna: ci sono professioni intellettuali, drammi familiari, un racconto molto letterario, simbolismi, dialoghi fitti e un'inequivocabile lettera la cui lettura è raccontata da chi la scritta che la recita guardando in macchina come in Luci D'Inverno).

Tutto questo fa sì che alla fine Desplechin possa raccontare dell'aleggiare della morte senza sfociare mai nel melodrammatico ma anzi adottando un tono vivace e scanzonato che ricorda il modo con cui noi, con il nostro cinema, sappiamo ridere dei drammi. E poi c'è anche Emmanuelle Devos, la cui visione dopo Sulle Mie Labbra e Tutti i Battiti Del Mio Cuore mi dà solo rinforzi positivi...

Ci sono molti personaggi a cui il regista dà attenzione senza privilegiare nessuno pur lasciando intuire le sue preferenze, ci sono dei rapporti straordinari per originalità e intensità e c'è un rispetto infinito per lo spettatore a cui nulla viene spiegato e tutto solo mostrato.
Insomma, il film della stagione per quanto mi riguarda.
Posta un commento
Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.