15.6.09

Una Notte Da Leoni (The Hangover, 2009)
di Todd Phillips

Share |

POSTATO SU
Todd Phillips è un regista che in Italia possono conoscere solo gli appassionati e gli amanti del cinema demenzial-studentesco americano ma che tra poco conosceranno tutti. Arrivato più che altro in DVD (Old School) o anche non arrivato per nulla (School Of Scoundrels) e passato al cinema solo con exploit meno convincenti (Starsky e Hutch, Road Trip) ora arriva nelle sale con Una Notte Da Leoni che in America è riuscito a scalzare Up della Pixar dalla prima posizione senza poter contare su nessun nome noto.

La motivazione di una simile prestazione è molto semplice: Una Notte Da Leoni è un film da morire dal ridere.
E non lo è solo per una sceneggiatura e dei dialoghi impeccabili, sebbene orchestrati su un canovaccio vecchissimo (un gruppo di amici fa follie in una nottata di addio al celibato a Las Vegas e il giorno dopo non ricordando nulla deve ricostruire tutto), il film è veramente divertente perchè diretto con intelligenza. Al di là delle battute molto del divertimento viene da sapienti stacchi di montaggio o movimenti di montaggio interno, dai colpi di scena e dai ribaltamenti di fronte e infine dalla capacità di saper arrivare fino al limite dell'iperbole senza sconfinare nell'esagerazione.

Quello della notte brava dove si misura l'unione tra amici e la capacità di esorcizzare qualsiasi demone della crescita e del senso di responsabilità è un topos specialmente statunitense che tuttavia diverte anche le donne e coinvolge gli uomini. Affrontarlo dunque non è facile perchè si è tentati dall'esagerare e basta con il rischio di non riuscire a mettere in scena davvero personaggi che siano combattuti tra l'età adulta e la vacanza da tale età.

Gioca con gli elementi della messa in scena Todd Phillips e lo fa talmente bene da riuscire a realizzare un film che a fronte di un grande divertimento riesce anche a raccontare una storia che questo divertimento lo alimenti. Non ci sono gag che si accavallano con il risultato di avere momenti esageratamente esilaranti a fronte di altri più monotoni (come capita spesso), ma tutto è dipanato nella durata del film con intelligenza e discrezione. Non c'è un momento di stanca, non c'è un momento in cui il film è poco comprensibile per il troppo ridere.

Non siamo di fronte ad un capolavoro della storia del cinema, ma forse ad uno dei migliori film comici degli ultimi anni (forse da Zoolander), capace di riproporre l'eterna figura dello stupido comico in una veste incredibilmente nuova (bravissimo Galifianakis) e capace di raccontare con straordinaria aderenza alla realtà il mondo della profonda e splendida idiozia al maschile.

Non perdete la sequenza fotografica finale. Una delle cose più azzeccate mai viste in materia.

15 commenti:

frankie666 ha detto...

Beh, io ho visto tutti i suoi film. Questo non mi sfugge mai...

carlito ha detto...

zoolander?!?!
ti è piaciuta così tanto? (zolander intendo)

gparker ha detto...

molto. Non ritengo ci siano stati film puramente comici migliori negli ultimi 10 anni.

Ace Of Spades ha detto...

Zoolander è un capolavoro!!!!

carlito ha detto...

ho preferito decisamente tropic tunder

gparker ha detto...

io questo l'ho trovato più sorprendente

frankie666 ha detto...

sorprendente?

Ma come fai ad abbinare "sorprendente" ad un film? Perche ti ha sorpreso? Ti aspettavi una zozzeria e ti sei divertito?

gparker ha detto...

no perchè quando pensi stia per succedere qualcosa o stiano per dire qualcosa ti sorprendono.

frankie666 ha detto...

beh mecojoni... Sono sorpreso...

Mariolone ha detto...

sti cazzi....ma franco non sarebbe più appropriato dire meicojoni? o la "e" viene mangiata nella tradizione orale?

frankie666 ha detto...

bella domanda... Potrebbe essere una questione di fonetica...

Riccardo ha detto...

per niente male come film.. mi aspettavo qualcosa di peggio, invece mi ha particolarmente soddisfatto!!!
almeno ho riso di gusto..

Anonimo ha detto...

Zoolander è mitico oltre che divertentissimo.
Comunque sono d'accordo anche sul resto ^^
Ale55andra

Il Tristo Mietitore ha detto...

Sono un po'sorpreso di leggere tutti questi commenti positivi.. In genere concordo con voi, ma questo film mi ha deluso parecchio. Non mi aspettavo un capolavoro, ma un film che facesse ridere, tipo il citato Starsky e Hutch.. Invece ho visto un film ossessionato dalla ricerca della risata, che quindi è sfociato in dialoghi idioti (non simpatico-demenziali, intendo proprio stupidi, gratuitamente volgari e tristi), e gag forzatissime (tipo il cinese nudo nel cofano..). Insomma, davvero deludente.. E me lo son dovuto guardare pure due volte :/

Concordo invece su zoolander, bellissimo..

gparker ha detto...

il cinese nel cofano è sembrato esagerato e un po' inutile anche a me, ma mi è sembrata anche una cosa che comunque stonava con il tono generale del film che invece non mi sembra mai gratuito ma sempre capace di sorprendere con la perfetta tempistica delle gag e l'idea interessante della ricostruzione a posteriori.