2017/2018

2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

6.4.10

L'Uomo Nell'Ombra (The Ghost Writer, 2010)
di Roman Polanski

POSTATO SU
Il nuovo (e forse ultimo) film di Roman Polanski vince nel momento in cui rifiuta qualsiasi velleità autoriale (anche se ovviamente facendolo raggiunge anche quest'obiettivo). Vince quando sembra imbastire un rapporto sentimentale e poi lascia che tutto rimanga solo un altro passo avanti nella distensione della trama, quando sembra operare un discorso sociale e politico sull'eredità del conflitto afghano nei rapporti America-Regno Unito ma poi vira subito su un colpo di scena del plot. Vince insomma tutte quelle volte che rifiuta fermamente di centrare la messa in scena sulle speculazioni autoriali e invece rimane attaccato ai fatti, lasciando che da essi emergano i personaggi e il contesto.

Con un'attenzione giustamente maniacale ai luoghi, al meteo e ai volti (vedasi Eli Wallach oppure il modo fantastico in cui è usato un attore solitamente scialbo come James Belushi) Polanski centra tutte le componenti fondamentali di un film di genere che, oltre ad un intreccio forte (garantito dal libro di partenza), si fonda soprattutto su un contesto e un'atmosfera in grado di convincere lo spettatore che tutto può succedere.
La rapidissima discesa di un normale (e un po' sfortunato) scrittore chiamato a fare il ghost writer del primo ministro britannico e in un attimo catapultato in una situazione più grande di lui, fonda il suo coinvolgimento su elementi come la straordinaria abitazione in riva al mare in cui si svolge buona parte del film, il tempo plumbeo e ventoso e quella curiosa umanità al servizio del primo ministro che sullo sfondo di tutto continua a mettere a posto le foglie anche se il vento le scompiglia.

L'uomo nell'ombra
è un film in diversi toni di grigio dove non c'è un raggio di sole e che non perde un attimo e no ha un gesto superfluo. Contrariamente al cinema di situazioni, di personaggi e di ambienti, che spesso si dilunga in scene che non hanno economia nella trama ma che definiscono un personaggio, questo è cinema di fatti che invece si nutre di situazioni, personaggi e ambienti nel quale tutto ha un senso perchè il meccanismo asciutto di narrazione della storia è specchio di un modo rigoroso di conoscere il mondo.
Posta un commento
Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.