2017/2018

2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

7.9.17

Three Billboards Outside Ebbing, Missouri (id., 2017)
di Martin McDonagh

CONCORSO
MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA
C’è stato un fatto efferato, una ragazza è stata bruciata e violentata, ma a quanto pare non si è trovato il responsabile e la madre ritiene che la polizia non stia lavorando come dovrebbe. Per questo affitta tre cartelloni sui quali fa scrivere gigante un’accusa di ignavia al capo della polizia. Quest’evento scatena il film.
La polizia darà il suo peggio (razzismo, protezionismo, abuso di autorità, mancanza di ordine) e la stessa madre che ha commissionato l’affissione non si dimostrerà di certo migliore.

Non è certo una favola morale Three Billboards Outside Ebbing, Missouri, anche se nel finale sembra recuperare un intento più alto ed etico, è semmai un film di idioti, una commedia molto nera, molto dura e molto poliziesca. Cittadine marginali, piccoli sceriffi di campagna che di giorno hanno il distintivo ma di sera prendono una birra e continuano a provocare al bar. Tutti si conoscono anche se sembrano ignorarsi e un affronto simile non può rimanere impunito.

C’è un velo di umorismo irresistibile in questo nuovo film di Martin McDonagh, quello stesso umorismo esplosivo e inatteso che coglie sempre impreparati e sembra trovare ogni volta la gag meno prevedibile, che era possibile apprezzare in 7 Psicopatici e In Bruges. Stavolta però c’è anche un trama più consueta, una storia western contemporanea di presa di coscienza collettiva in una piccola cittadina. Ma mai come stavolta McDonagh rinuncia alle stranezze e cerca di essere lineare e convenzionale.

Tanto che dietro il grande divertimento e le molte trovate inattese che animano la sceneggiatura, non si scorge molto altro. La stessa trovata dei cartelloni del titolo è un trucco attraente e inusuale che mette in moto tutto ma che non ha nessun senso reale se non accendere una miccia che poteva essere accesa da qualsiasi altra provocazione senza che facesse alcuna differenza.
Se In Bruges creava una strana malinconia da bilancio di una vita, in un luogo impensabile e con un senso del ridicolo funzionale a scardinare la classica figura del gangster, per arrivare ad un’umanità inattesa, qui è solo umorismo. La storia e i personaggi che esalta non sono all’altezza delle battute argute.

Nonostante Rockwell sia bravissimo a lavorare sul crinale del clown senza sfociare mai nel caricaturale, ma anzi rimanendo molto umano, e Frances McDormand animi una donna dura e tutta d’un pezzo, mente fina, carattere aspro e testaccia dura, lo stesso tutti questi ottimi sforzi prendono al massimo una piega lieve da drammetto. Finiscono con qualche lettera letta versando una singola lacrima, con una confessione in punto di morte e una bontà che stona molto con il cinismo profuso per il resto della storia. Sembra che davvero senza la travolgente ironia il film non sappia che fare della propria storia.
Posta un commento
Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.