11.2.09

Religiolus (Religiolous, 2008)
di Larry Charles

Share |

POSTATO SU
Il titolo è una crasi tra religious e ridiculous, il che già la dice lunga sugli intenti del film che si configura proprio come un documentario michaelmooriano, di quelli cioè in cui l’autore compare sulla scena e porta per mano lo spettatore alla scoperta (e decostruzione) di un mondo, di un ambito o di un pensiero in particolare, che in questo caso è la religiosità.

Ma un’altra caratteristica tipica del documentario michaelmooriano è la poca cura nel contraddittorio oltre al totale disinteresse nel cercare di dare un’idea complessa della realtà. Religiolus va anche oltre accarezzando le convinzioni dei propri spettatori senza fare nulla più di una ridicola carrellata di mostruosa umanità che non convertirà nessuno e non instillerà nessun dubbio.
Sia Larry Charles (regista) che Bill Maher (comico e narratore) barano palesemente andando a cercare tutte le forme di religiosità più estreme e meno motivate d’America e del mondo. Dai camionisti integralisti ai parchi a tema cristiani, dai musulmani meno competenti ai predicatori più assurdi (il migliore è uno che si professa il Cristo venuto in terra per la seconda volta), senza mai affrontare qualcuno di realmente competente.
Non è questione di difendere la religione ma il concetto di documentario come indagine. Quantomeno per quanto riguarda quelli che si pongono come indagine.

Religiolus da un lato dipinge un mondo di religiosi senza un perchè e di convinti dalla mentalità totalmente dogmatica ma dall’altra non lo condisce con dei numeri che inquadrino la situazione. Non si sa che percentuale della popolazione siano i casi mostrati eppure il film lo stesso trae un discorso generale sulla religione.
Non c’è mai un contraddittorio vero, il comico con la sua preparazione, il suo carisma e l’indubbio umorismo mette continuamente in difficoltà avversari dialettici che non reggono il confronto. Il più delle volte si tratta di persone che non sanno che rispondere o che non dicono nulla più di “L’ha detto Dio”.

Oltre a questo il film è anche eticamente discutibile. Se è vero che un documentario non è mai la realtà ma una certa porzione della realtà filmata e mostrata in un certo modo (cioè attraverso la visione che ne ha l’autore) è anche vero che non si può fare questo pretendendo di essere realisti. Le interviste di Maher sono spesso montate per aumentare l’effetto comico: dopo una frase ad effetto o una sua domanda spesso la macchina da presa stacca e inquadra più da vicino l’intervistato in silenzio e con lo sguardo perso, suggerendo la sua incapacità di rispondere ma di fatto barando perchè c’è stato uno stacco e potrebbe essere un altro momento.
E quando finalmente un rabbino sembra essere svelto di parola e di retorica quanto il comico questi se ne va indignato per il presunto negazionismo sull’olocausto dell’intervistato.

Larry Charles (che con Borat si era distinto per acume) e Bill Maher non cercano in alcun modo di capire o indagare un fenomeno ma vanno a ridicolizzare. E lo fanno talmente bene che il risultato è intrattenimento puro ma ingannevole.

9 commenti:

Thomas Morton ha detto...

Intrattenimento puro. Sono d'accordo. Ma due risate politicamente scorrette allungano la vita.

gparker ha detto...

quello che dici è indubbio e io ho anche riso parecchio vedendo religiolus, ma questo non significa che debba mitigare il mio giudizio.
Perchè il film mi vuole convincere barando palesemente e questa cosa non può non essere considerata.
Mi sarei divertito infinitamente di più se avesse preso in giro tutto e tutti (come fa) senza pretendere di dire cose vere o di fare un ritratto autentico della realtà.

Mariolone ha detto...

ma ci sono i culturisti cristiani?

Antar ha detto...

Ma non è che, essendo dello stesso regista di Borat è fatto apposta di non essere obiettivo?
Mi ricordo che pure del film precedente un sacco di gente lamentasse la poca obiettività.
Pensa che alcuni avevano preso per un film serio, piangendo calde lacrime e trovandolo profondamente poetico, ForrestGump.
Il dramma del genere parodistico, a volte, è di essere confuso con l'originale.
Poi magari non è questo il caso, ma se uno si dovesse basare sui precedenti io un pensiero ce lo farei.

Valido ha detto...

Ma io infatti a 'sta cosa ci sono stato alla larga. Peggio di uno che attacca le tue convinzioni c'e' soltanto uno che le difende male. Eppure, da quanto leggo, sarebbe solo bastata un po' di modestia in piu'...

gparker ha detto...

Valido: Esatto! Che poi non è difficile attaccare la religione con umorismo! E scegliendo qualche interlocutore serio da buttare in mezzo tra un cialtrone e un parco divertimenti a sfondo cristiano diventava un'operetta con un minimo di serietà.

Antar: Borat secondo me non era di parte. O quantomeno non aveva la pretesa di essere obiettivo. Era più del tipo: "Andiamo a provocare un po' di reazioni forti". Qui invece si cerca di mostrare lo stato delle cose

Mariolone: che mi hai ricordato.... no. non c'erano. Non sanno cosa si sono persi.
Che trasportavano quei blocchi di ghiaccio giganti. "Per Gesù!"

Mariolone ha detto...

io li cerco disperatamente ogni volta che posso...solo loro riusciranno a convertirmi....per quanto riguarda forrest gump io ho visto il lato parodistico solo nella parte della vita militare

gparker ha detto...

beh c'è pure tutta la parte della sua ascesa come imprenditore che culmina con le azioni apple...

Mariolone ha detto...

si quello è geniale