4.4.06

Prova Ad Incastrarmi (Find Me Guilty, 2005)
di Sidney Lumet

Share |

Stando a quanto letto in giro quello che coinvolse Jack DiNorscio e altri venti uomini accusati di associazione mafiosa, tutti appartenenti alla famiglia Lucchese, fu il più lungo processo della storia americana, quasi due anni di durata, e al termine (sempre stando a quello che si legge in giro) il verdetto fu incredibilmente favorevole ai 20 indagati anche e soprattutto in virtù della simpatia che DiNorscio (nelle improvvisate vesti dell'avvocato di se stesso) seppe suscitare nella giuria, facendo leva sullo humour, sui suoi valori, sul senso della famiglia, degli affetti e sulla spontaneità.
Ed è questo anche quello che si vede nel film. Io voglio sperare che nella realtà oltre a queste importanti componenti abbiano influito anche l'abilità degli altri avvocati e l'inconsistenza di alcune prove, certo è però che l'assoluzione di 20 mafiosi in blocco è difficile da immaginare comunque.
Partendo da questo il film si pone subito come una durissima critica del sistema americano, ma una critica costruttiva nella misura in cui viene imposto allo spettatore il punto di vista che dev'essere stato della giuria. Jack DiNorscio viene presentato come un simpatico e tenero padre di famiglia, donnaiolo incallito ma rigido uomo di valori, un personaggio positivo perfetto insomma. E in linea di massima allo stesso modo sono presentati gli altri imputati.
Lungo tutto il film non si può che parteggiare per i mafiosi e deprecare il procuratore distrettuale perfido e senza scrupoli, colpevole di voler a tutti i costi mandare in galera 20 tra mafiosi, spacciatori di droga, magnaccia, ricettatori, strozzini e via dicendo.
Il ribaltamento della prospettiva funziona, Vin Diesel è bravo e intrigante e il film diverte nonostante una perdita di ritmo verso il mezzo, e anche se alla fine non rimane moltissimo si respira un'idea di cinema comunque forte e personale, delle decisioni e prese di posizione concrete, il minimo che ci si aspetta insomma da un regista di ottant'anni.





0 commenti: