2017/2018

2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

10.3.09

Nemico Pubblico n.1 - L'istinto di morte (L'Instinct de mort, 2009)
di Jean-François Richet

POSTATO SU
Ma quant'è che Gerard Depardieu non fa un film senza mascherarsi (foto a destra)? Che poi ci va bene così.. Era solo una curiosità.

Nemico Pubblico n.1 dovrebbe essere una specie di “Feuilleton Criminale”, una versione francese della rilettura di un certo periodo della storia criminale del paese. Il modo in cui viene fatta la ricostruzione storica del periodo, il modo in cui si incrociano le vicende personali del criminale (o della banda) e quelle politiche del paese non sono infatti molto diverse. Come non molto diverso è l’approccio narrativo.

Jean-François Richet, che già aveva diretto il remake di Distretto 13, come spesso capita ai francesi non si discosta molto dallo stile americano (specialmente per le parti in galera) e confeziona un film molto schietto e svelto che non risparmia pugni nello stomaco allo spettatore (la scena dell’omicidio a coltellate o quella dell’ultima litigata con la moglie) e che trova in Vincent Cassel un protagonista perfetto.

Il film inizia con un bel cartello nero che spiega come il racconto di fatti reali al cinema debba necessariamente essere contaminato con elementi di finzione. Sembra una giustificazione per un film iperbolico e invece Nemico Pubblico n.1 contiene una visione spietata e disumana della violenza messa in scena, Richet non rischia mai l’apologia e contemporaneamente prende una posizione ferma e decisa contro il suo protagonista, condannandolo senza scampo.

Il suo Jacques Mesrine non ha mai il vero fascino del criminale ma più quello del disgraziato vanitoso e abile, che rischia tutto per una folle operazione di salvataggio di alcuni amici in galera e scende dall’aereo in manette come fosse una star.
Questa prospettiva gli permette di mostrare l’evasione in toni spettacolari e di indugiare sulla violenza delle sue azioni (attenzione al rumore degli spari e dei colpi che impattano il corpo, hanno un realismo fuori dal comune), poichè il giudizio morale permea ogni inquadratura.

Il film è in due parti di cui la seconda uscirà ad Aprile e nonostante le molte soluzioni da cinema, lo stesso l’organizzazione del racconto in due episodi inevitabilmente avvicina il racconto alla serialità televisiva. Non che sia un male.
Posta un commento
Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.