4.7.08

Hellboy 2 (id., 2008)
di Guillermo Del Toro

Share |

Hellboy 2 è veramente uguale al primo episodio, solo con più soldi e più ironia. Questo fa sì che si moltiplichino le creature, le location e le possibilità, ma in sostanza il risultato è lo stesso, cosa che da una parte non è bene, ma dall'altra sì, nel senso che ad avercene di seguiti che tengono testa al primo episodio!

Alla fine dei conti Hellboy 2 sembra un po' Men In Black per quell'approccio scanzonato alla presenza di soprannaturale nel reale, per come si diverte a mostrare l'inusuale come se fosse usuale. Però poi mantiene fisso il fuoco del film avventuroso, meglio della serie con Will Smith, anche perchè (e lo si ripete per la millesima volta) c'è un regista serio, che opera delle scelte, che ha una visione di cinema e che crede in un certo modo di raccontare le storie.

Questo lo si vede soprattutto dalla sovrapresenza di creature fantasy (che scelta azzeccata fargli fare Lo Hobbit...) e dall'ossessione per gli occhi. Non a caso probabilmente la parte migliore del film è quella dell'incontro con la morte (o quel che è), creatura alata e senza occhi nel posto dove ce li aspetteremmo ma piena di pupille sulle ali.

In effetti è curioso come spesso nei film di Guillermo Del Toro la parte migliore sia quella dell'incontro, un incontro unico con una creatura sovrannaturale. Per quanto mi riguarda anche Il Labirinto Del Fauno aveva come punta più alta il momento in cui la bambina incontra il mostro con gli occhi nelle mani. E non solo per il pathos della scena, quanto per il senso che dà all'intero film. E così è qui.
Sono scene molto strane e poco in linea con quello che ti aspetteresti dal fluire della narrazione, interrompono il flusso del racconto in una maniera inaspettata e pur non avendo molta influenza nella trama cambiano radicalmente la visuale che lo spettatore ha della storia. Sono scene brevi ma levando quelle i film cambiano totalmente di tono.

Ribadisco che vorrei vedere Del Toro all'opera senza Navarro. Ma non credo che accadrà. Almeno non a breve.

8 commenti:

frankie666 ha detto...

E vero anche io avevo pensato la stessa cosa della scena sulla morte.
Anche se devo dire che ho amato molto la scena con il mostro pianta a manhattan. Ci ho visto un sacco di cose: innanzitutto mi è sembrato forse l'unica scena che ricord il fumetto di Mike Mignola (ci tengo a dire che non è che se non è fedele è più brutto), ci ho visto King Kong, e molta fantasia di Neil Gaiman.
Un'altra cosa che mi ha colpito è come gira le scene d'azione. Del Toro le riprende come nei videogiochi, tiene la telecamera lontano in modo da inquadrare completamente l'azione, questo rende le sequenza molto fluide, ma soprattutto perfettamente comprensibili. Inoltre e non ho la più pallida idea di come faccia riesce a rendere i movimenti "bestiali" dei suoi mostri molto naturali, vedi HellBoy.
Nel complesso sono d'accordo che non aggiunge niente al primo film, ne che sia tantomeno appassionante (e credo sia dovuto alla trama che francamente non mi è sembrata niente di che, come nel primo).
Concludo dicendo, che io invece vorrei vedere lavorare insieme Del Toro e Neil Gaiman. E gli dei del Metallo mi hanno ascoltato, difatti pare collaboreranno per il film sul Dott. Strange, che dovrebbe uscire prima de lo Hobbit.

gparker ha detto...

Sono sicuro che gli dei del metallo ascoltano sempre ma non rispondono mai.

frankie666 ha detto...

quale dio risponde mio buon parker.... quale? Almeno questi del metallo mi hanno dato i Judas Priest.

EmmeBi ha detto...

Io quando penso a Guglielmo Del Toro non posso non pensare a Cronos, per me film fondamentale degli anni 90. Sia stilisticamente sia per i temi trattati.

gparker ha detto...

mi manca

Bonekamp ha detto...

vediamo se domani o dopodomani lo riesco finalmente a vedere...

nononoeno.splinder.com ha detto...

vabè, credo che si possa anche perdere...
8 )

mi butterò su batman per consolarmi.

gparker ha detto...

Guarda non è male, davvero, niente di eccezionale ma buono.
Certo davanti a Il Cavaliere Oscuro sfigura...