2017/2018

2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

15.3.11

Amici Miei...Come Tutto Ebbe Inizio (2011)
di Neri Parenti

POSTATO SU
Di tante operazioni audaci questa pare la più audace e la più rischiosa di tutte.
Di remake all'italiana se ne sono visti e sebbene abbiano avuto scarsi risultati (di botteghino e di gradimento) alla fine sono stati solamente esperimenti un po' tristi. La Mandrakata, Il Monnezza, Eccezzziunale veramente 2 e via dicendo erano scialbe attualizzazioni, più che altro firmate Vanzina, di miti rivalutati.
Ora questo prequel di Amici Miei suona come un passo in più nel mondo dell'arroganza produttiva. Non si tratta di rifare qualcosa, di ritornare su certi passi ad anni di distanza ma di andare a rivedere pretestuosamente le basi di un racconto che più seriamente di altri è entrato nell'immaginario. Come se non si sapesse che Amici Miei non è Febbre da cavallo.

Quello che Neri Parenti ha diretto non è un episodio in più nella filmografia di un personaggio o di alcuni personaggi diventati nel tempo (e con la nostalgia) oggetti di culto, quanto la riproposizione in forma bassa di qualcosa che era alto. Non siamo più nella serie B rivalutata ma nella piena autorialità che diventa cinepanettonismo.
Amici Miei, Come Tutto Ebbe Inizio è esattamente quel che ci si aspetta, un cinepanettone mascherato da commedia in costume nel quale non si ride quasi mai e che ricalca film, situazioni e personaggi di Germi/Monicelli. C'è anche la tendenza ad una certa cattiveria e malvagità di fondo, un umorismo alle volte più nero della media che dovrebbe essere il segno che unisce questo film agli altri della saga. Ma questa cattiveria non diventa mai umanità, la spietatezza non è mai debole piccolezza o disperata tristezza.

Le macchiette di Neri Parenti sono sagome che interpretano gag (per lo più già viste in altri film in costume o in altre barzellette popolari), la cosa di suo già è fastidiosa. Ma il fastidio tocca le sue vette più alte quando in queste gag entrano personaggi storici noti (Leonardo Da Vinci, Lorenzo de' Medici, Savonarola) senza nessun criterio.
Come al solito non è tanto il fatto che non si rida (sono sicuro che qualcuno riderà), quanto il fatto che non si faccia del cinema ma si espongano delle gag inquadrando chi parla. Tutto il succo della mancanza di idee sta nell'ultima sequenza in cui in maniera posticcia viene inserita la supercazzola. Una cosa fatta tanto per farla.
Unica nota positiva è la scenografia e i costumi, decisamente migliori della media italiana. Una Firenze ricostruita a Cinecittà veramente credibile, oggettistica e abbigliamento che non sembrano costumi di carnevale e un'illuminazione doviziosa. Alcuni frame sembrano presi da un film vero.
Posta un commento
Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.