2017/2018

2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

11.6.09

Il Nastro Bianco (Das Weiße Band, 2009)
di Michael Haneke

Duro. Durissimo. Come sempre. Non il miglior film, ma comunque un film di Haneke.
Se c'è uno che gira sempre lo stesso film e per il quale la "politica degli autori" può ancora dirsi valida questo è senza dubbio Michael Haneke e questa Palma D'Oro non fa eccezione. Anche se c'è un bianco e nero da urlo (ma da urlo proprio! Tutto finalizzato a far risaltare come cazzotti quei nastri bianchi, simbolo della colpa) e anche se è tutto ambientato negli anni della prima guerra mondiale gli elementi del cinema hanekiano ci sono tutti lo stesso e sono centrali come sempre. La trama la si potrebbe comprare anche dal tabaccaio per quello che vale...

Innanzitutto la violenza. Fortissima, eccessiva e quasi sempre psicologica. Violenza sui bambini, violenza sulle mogli e sui sottoposti, violenza che raramente diventa fisica e anche quelle poche volte ci viene mostrata solo nelle sue conseguenze (con straordinari espedienti di montaggio sia canonico che interno (fenomenale la scoperta dell'impiccagione)) o fuori campo. Eppure si respira la violenza del vivere confinato nelle regole sia che siano autoimposte sia che siano proprie della comunità o della classe cui si appartiene. La violenza estrema del conformarsi alle regole del vivere civile.

I vincoli borghesi, la castità, il vivere in un contesto disperato, la religiosità, il perbenismo... Tutto diventa viene letto dal punto di vista della violenza nei film di Haneke nonostante poca se ne commetta. Tutto è imposizione e forzatura pronta ad esplodere non appena avviene qualcosa che regolarmente non ci viene spiegato fino in fondo (anche perchè chissenefrega!).

Chi siano gli omicidi di questo film, ve lo dico subito, non lo saprete mai (ma se seguite Haneke non vi stupirà) anche se stavolta alcuni indizi forti ci sono. E proprio da tali indizi forti scaturisce un altro elemento portante del film il discorso cioè sul nazismo e le sue origini. Discorso che tuttavia a me persuade poco o che quantomeno passa in totale secondo piano di fronte al dubbio e allo scuotimento posto da certe immagini.
Cosa contano i temi nazisti di fronte a scene come quella del bambino che suona il flauto fuoricampo o quella della figlia del reverendo con il volto contro il muro della classe?
Posta un commento
Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.