2017/2018

2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

15.2.12

The Flowers of War (id., 2011)
di Zhang Yimou

FUORI CONCORSO
BERLINALE 2012

Una delle più grandi star americane nel film del più grande e conosciuto regista cinese contemporaneo. Flowers of war è un filmone dal tono epico e dalla retorica chiara, che esalta il popolo cinese raccontando di un episodio storico descritto come "realmente accaduto".
Durante il sanguinoso assedio a Nanchino (allora la capitale) un becchino si nasconde in una chiesa, fingendosi prete per sopravvivere. Lì trova delle studentesse di circa 13 anni e dopo poco si aggiungono delle note prostitute rifugiate. La convivenza non è semplice, il becchino non è uno stinco di santo ma la situazione tirerà fuori il meglio da ognuno, farà superare le differenze e diffidenze coalizzando tutti verso un grande sacrificio finale.

Flowers of war ricalca tutta la retorica del cinema autoesaltatorio statunitense. I grandi ralenti, i controluce commoventi, primi piani intensi, occhi lucidi, parole poetiche e musica altisonante, eppure per almeno un'ora di film sembra fare tutto questo con gli strumenti del miglior cinema. Zhang Yimou è davvero il più grande regista cinese se non uno dei migliori al mondo e il suo incontro con Bale (puramente americano nello stile di recitazione) produce scintille di magnificenza. Tra un rigoroso uso del colore (il protagonista bianco di farina, baionette che sfiorano gli occhi, rosoni della chiesa che producono arcobaleni), un racconto asciutto pur nella sua magniloquenza e trovate degne dei nomi sui cartelloni, Flowers of war inizia alla grande (visti i presupposti), ma da quando il prete per necessità si taglia la barba (segno cinematografico universale di mutamento interiore), il film cambia rotta.

Annacquato nella retorica, flagellato dal buonismo e allungato a dismisura da ralenti, sequenze musicali ed esigenze celebrative, Flowers of war si trasforma nell'incubo di ogni spettatore: un film a tesi privo di ritmo o novità e incaricato di inculcare una morale di ferro. Un disastro.
Ciliegina sulla torta: il ruolo dei giapponesi. Gli assediatori di Nanchino (e nemici storici della Cina) sono dipinti come mai si era visto prima. Perfidi, stupidi, gretti, meschini, ributtanti e viscidi non hanno una scintilla di positività, non hanno un personaggio nemmeno vagamente morale o anche solo un'idea di umanità. Anche i loro colpi sono più efferati e producono più sangue di quelli dei cinesi. Nemmeno i comunisti nei film americani in tempo di guerra fredda erano trattati così. Nemmeno i nazisti!
Posta un commento
Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.