7.4.10

Green Zone (id., 2010)
di Paul Greengrass

Share |

POSTATO SU
Atteso e annunciato come "Jason Bourne goes to Iraq" Green Zone è fortunatamente qualcosa di diverso. Pur restando nella cornice dello spy movie Greengrass realizza un film dalle ambizioni più alte e dalla raffinatezza decisamente maggiore. Probabilmente Green Zone alla fine non raggiunge quel perfetto equilibrio tra aspirazione e realizzazione che era proprio di The Bourne Ultimatum anche perchè non si appoggia su quella struttura di azione vorticosa dalla quale far emergere (non senza una certa difficoltà) i pertugi di una trama molto complessa.

Green Zone viene da un libro che a sua volta romanza la realtà della prima presa di coscienza nel secondo conflitto iracheno. Al centro di tutto c'è un militare che come molti è impiegato nella ricerca della armi di distruzione di massa ma che al contrario degli altri non vuole solo eseguire gli ordini e comincia a porsi delle domande sul senso della missione nel momento in cui di armi non se ne vede l'ombra. Da lì parte l'intrigo che porterà, come il pubblico già sa, alla scoperta dell'assenza delle suddette armi.

Se si vuole guardare Green Zone come un film sull'attualità girato secondo i canoni del cinema di spionaggio si rimarrà delusi, le esigenze di trama obbligano ad una semplificazione poco rispettosa dei fatti e molto sbrigativa, inoltre non si scopre nulla di nuovo.
Probabilmente però questa è la maniera sbagliata di guardare ad un film che in ogni momento rivendica la sua natura primariamente di genere. Green Zone è un film d'azione che quasi per caso si svolge in Iraq (sappiamo che non è un caso ma è quello che sembra) e che sicuramente bada più a fare un cinema muscolare, tutto sparatorie e inseguimenti, più che svelare i retroscena politici.
Non a caso i suoi pregi stanno nel modo in cui piega la realtà alle esigenze drammaturgiche (eroe/antagonista, obiettivo/oggetto chiave ecc. ecc.), nell'utilizzo dello scenario iracheno secondo lo stile Greengrass (quella caoticità controllata da urlo) e nelle continue invenzioni visive (le illuminazioni notturne della prima scena, l'inseguimento cittadino in tre e via dicendo).

E' difficile non rimanere entusiasmati da un film così perfetto e raffinato nel suo sembrare violento e in prima linea se ci si abbandona al puro intrattenimento di genere senza pretendere di scoprire qualcosa di nuovo sulla realtà degli ultimi anni.
Greengrass migliora se stesso e porta avanti un genere (il film di spionaggio militare) già molto ringiovanito negli ultimi anni, donandogli una forza e un'autorevolezza che segnano la differenza con gli altri esperimenti ugualmente valevoli ma di segno opposto (come The Hurt Locker).

5 commenti:

Anonimo ha detto...

Se mi è piaciuto Gamer, figuriamoci come mi piacerà questo. Andrò a vederlo appena possibile.

Ale55andra

frankie666 ha detto...

secondo me nel cinema d'azione, non conta tanto la trama, quanto le contrapposazioni fra protagonisti e antagonisti...

Un film con una storia banale ma con un cattivo forte, vince sicuro. Voglio dire John Woo ci ha costruito una carriera...

Io non ho amato nessun Bourne, ma mi sono ripromesso di rivederli. Questo mi ispira, ma mi hanno detto tutti che non vale niente...

Conto andarlo a vedere prima o poi...

gparker ha detto...

per questo secondo me questo è un bel film

Anonimo ha detto...

Ho visto che lo pubblicizzano con una cartellonistica che dice "L'agente Bourne diventa eroe" o una cosa simile... Ma non è come dire "Il Gladiatore contro lo sceriffo di Nottingham"? Cosa c'entra il personaggio di Matt Damon in "Green Zone" con l'agente Bourne? A parte che è Matt Damon, intendo...
FLAVIA.

gparker ha detto...

credo che l'occasione di marketing fosse troppo succosa per essere persa