13.2.07

Notte Prima Degli Esami Oggi (2007)
di Fausto Brizzi

Share |

Premetto che non ho visto il primo episodio.
E' indubbio che il film ha dei bravi interpreti, non sono uno sfegatato ammiratore degli attori in generale, ma devo ammettere che Notte Prima Degli Esami Oggi è ben recitato e tratti (ho detto A TRATTI) anche ben scritto. Insomma almeno due cose che si elevano sopra la media...
Semmai il problema è ciò che il film vuole essere, è quello che l'affossa incredibilmente. La visione infatti ha confermato esattamente il pregiudizio che avevo sul film: una commediola giovanilistica che su un tappeto di luoghi comuni riguardo i giovani d'oggi racconta qualche facile e dinamica storiella d'amore.
Il mondo dei giovani come piace immaginarlo agli adulti. Fatto di dinamiche sociali che gli sono distanti ma gli sembrano simpatiche, fatto di una pseudo-innocenza e pseudo-ingenuità, fatto di una dimensione sessuale più ostentata e spinta e fatto di un buonismo generalizzato.
Non credo che qualunque persona in un'età compresa tra i 16 e i 28 anni possa identificarsi, neanche un minimo. Certo alcune cose sono universali, ma è sulle contingenze temporali moderne che il film diventa proprio ridicolo. FlashMob ficcati dentro a casaccio, un concezione dei blog da servizio del TG1, videochat improbabili e una scena da fara accapponare la pelle in cui il secchione della classe scarica da internet delle tracce audio contenenti dei temi di italiano recitati a voce e dice agli amici: "Avanti collegate gli iPod". Mi rifiuto di pensare che qualcuno si sia identificato.
Notte Prima Degli Esami Oggi, non è un brutto film, è un filmetto. Girato con uno stile buono per un prodotto televisivo e che non intende minimamente andare oltre alla dimensione del racconto. Non ci sono personaggi interessanti, non ci sono situazioni intriganti, ci sono unicamente le dinamiche del racconto, che messe abilmente una in fila all'altra tengono viva l'attenzione. Questo per dire che non ci si annoia e a tratti si ride pure, perchè quando non ci sono particolari del mondo odierno, quando non insiste sulle manie dei giovani e si limita a mettere in scena le maschere tipiche (secchioni, imbranati, amici astuti, genitori immaturi ecc. ecc.) è pure divertente.
Sinceramente se proprio devo scegliere preferisco quest'innocuo buonismo alle velleità di ritratto della società moderna della serie Manuale D'Amore.

21 commenti:

Valerio ha detto...

Sei sempre troppo clemente con i film italiani.
quando ho letto il passaggio sull'ipod mi sono venuti i brividi e la volgia di andare a bruciare la pellicola originale.
quando dici che non ci si può identficare per me hai detto tutto.
Inoltre dal trailer si capiva che dentro c'era tutto, dalle cuscinate a campo de fiori fino alla ricostruzione dell'entusiasmo datoci dai mondiali: IO ODIO QUESTO CINEMA PROVINCIALE !! lo odio, non c'è niente da fare.

Fabio ha detto...

Sottoscrivo Valerio... quella degli i-pod è già terribile a leggerla raccontata da te, chissà a vederla. Che poi temi di italiano su tracce audio??? Ma perché, che senso ha... è fatto solo per nominare i-Po, è una di quelle pubblicità che si fanno nei film al giorno d'oggi... non mi ricordo il nome con cui si indicano.

l. ha detto...

a questo punto sarebbe bello se nel primo episodio ci fosse la battuta "sincronizziamo i casio".

gparker ha detto...

Ah poi mi sono dimenticato di parlare del product placement... Lo faccio domani in un piccolo post-appendice.

Il primo infatti ora mi incuriosisce per questo, voglio vedere se applicano queste dinamiche agli anni '80.

Non è che sono clemente è che mi sembr riduttivo dire che è uno schifo, perchè delle cose buone ci sono e ti fanno capire che il materiale ci sarebbe (da certi punti di vista) ma è l'intento che è da condannare, prima ancora che comincino a girare proprio.

Fabio ha detto...

Oh, product-placement.... ecco come si chiama.

frankie666 ha detto...

Gli unici che hanno capito come deve essere veramente la scuola?
La Rockstar.

Sottoscrivo Valerio.

gparker ha detto...

La scuola l'hanno messa in scena al meglio la Rockstar e Matt Groening.

tony ha detto...

Non leggo dell'esordio dell'amica di Claudia. Mi pare di capire un esordio dignitosissimo.

gparker ha detto...

Senza infamia e senza lode. Il ruolo non è che fosse il massimo, lei si dà da fare.

frankie666 ha detto...

Chiedo scusa.
Massimo rispetto per Matt Groening, uno di noi...

Mariolone ha detto...

rosico perchè noi siamo una generazione di mezzo.....nel primo film eravamo neonati...quelli di oggi mi sembrano tutti moooolto più stronzetti di quanto eravamo noi al liceo(a paragone sembravamo una banda di fresconi)...cmq il primo film non era malissimo specialmente faletti

frankie666 ha detto...

mariolone così si disfa l' immagine che ho di te...
Non mi puoi massacrare orchetti, e poi apprezzare queste porcherie...

Mariolone ha detto...

Ho semplicemente detto che il primo non era malaccio....da qui a dire che mi è piaciuto ce ne passa...se vuoi avere la mia immagine rovinata allora ti do un motivo concreto: ho un ammirazione hai limiti dell omosessualità per Alberto Angela

Mariolone ha detto...

affe mia un errore di ortografia.....

annacaro ha detto...

in effetti, gparker, mi ritrovo a darti ragione su molte cose, soprattutto per quanto riguarda il riferimento alla tecnologia....ripetitivo e fuori luogo, sembra che tutti in quel film vogliano urlare:"Hey!!! siamo nel 2006, non più nel 1989!!!!); voi avete citato l' I-pod,ma perchè?chi vuoi che faccia uno scherzo con la web cam?!
Questo film non è il seguito di Notte prima degli esami 1 ma ( qui la grande contraddizione)ripropone gli stessi personaggi senza offrire loro una caratterizzazione... i "minori" fanno solo da contorno.
Ma poi, di Panariello vogliamo parlare? Pessimo....come ha potuto pensare di reggere il confronto con Faletti!?
Insomma, la grande pecca di quest film è, secondo me,il non essere andato al dilà del paragone con il primo, diventando schiavo dei riferimenti al 2000....ci sono alcune cose che salverei: la"notte prima degli esami" è qui trascorsa in solitudine al contrario di quella anni ottanta in cui si ritrovavano tutti insieme sotto una finestra a condividere ansie e paure; simona non perdona massi quando lo perdona, per cose molto più gravi, negli anni ottanta. segno che le ragazze sono più forti e sicure di sé... comunque una delusione, in definitiva
ps: io adoro notte prima degli esami 1!!!

gparker ha detto...

Alla fine secondo me si è volutamente deciso di ripetere il primo film cambiando solo lo sfondo.

Mariolone ha detto...

si dato che il primo ha avuto molto successo...ora fanno sta porcata (che ovviamente chiara mi porterà a vedere mentre io preferirei l'ultimo film di forest witaker)sperano di reincassare tanto quanto la prima volta, fanno sto colpaccio e poi scappano con le borse di soldi conme ron howard in quella splendida puntata dei simpson

gparker ha detto...

E calcola che (notizia fresca fresca) questo film ha fatto il record di incassi nella prima giornata.

Mariolone ha detto...

torno ora dalla visione,spinta ovviamente da chiara dunque di male c'è: tutti gli attori maschi(le donne sono sufficentemente gnocche per soprassedere)moolto meno ritmo rispetto al primo e la patetica figura del vecchio che dice le parolacce.di buono c'è: tutte le attrici,il notevole implemento di scene di nudo,la scena del flash mob su ponte sant'angelo,e la maturità del 38 col ragazzo che parla dei piaceri autarchici di dannunzio

Mariolone ha detto...

postilla:neanche a chiara è piaciuto stavolta ti ha dato ragione niola

gparker ha detto...

Io di cose valevoli non ce ne ho viste però devo ammettere che in alcuni momenti ho riso.