2017/2018

2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

13.2.08

Il Petroliere (There Will Be Blood, 2007)
di Paul Thomas Anderson

POSTATO SU

Senza timore di esagerazione si può parlare di primo assaggio di vero cinema del 2008. Non è dato sapere cosa della produzione di quest'anno rimarrà nella storia del cinema, ma di sicuro Il Petroliere è tra i candidati più probabili.
Il Petroliere è il film del ritorno. Il ritorno di Paul Thomas Anderson a 6 anni dal particolarissimo Ubriaco D'Amore e di Daniel Day Lewis che, se si eccettua The Ballad Of Jack And Rose (minuscolo film diretto dalla moglie), mancava anch'egli dal cinema dall'uscita di Gangs Of New York 6 anni fa. E poche volte un ritorno fu tanto devastante.
Anderson gira con un'arroganza rara che, in virtù della sua indubbia abilità, diventa grande stile. Si permette di rompere tantissime tacite regole del cinema hollywoodiano in maniera personale e straordinaria, mettendo in scena un inizio lungo e praticamente muto che è da cineteca (se volete potete lanciare un urlo in sala, sarà opportuno!) per come riesce a condensare tutto lo spirito del film immediatamente e solo per immagini. Dopodichè continua nella decostruzione dello stile classico americano a suon di formalismi e trovate estetiche meravigliose, riprendendo anche i lunghi silenzi dei dialoghi, negando spessissimo il controcampo e soffermandosi sul suo protagonista, perchè solo lui conta.
Emblematica la scena in cui arriva alla fattoria Sunday e incontra per la prima volta il personaggio di Eli, lo sguardo di stupore che scambia di sfuggita con il figlio e il modo in cui non si fa menzione esplicita del fatto che quel personaggio già l'abbiamo visto ma tutto sia spiegato con le immagini è vero cinema.

Il Petroliere racconta 30 anni nella vita di un uomo, un self made man ricco potente e arrogante che tuttavia non è una figurina ma una persona vera a tutto tondo, capace di incredibile dolcezza (la scena in treno con il figlio piccolo) e terribile grettezza (l'esplosione del pozzo). Ci sono mille episodi che si susseguono per evidenti opposizioni (uomo-natura, uomo-fede, uomo-famiglia, uomo-vecchiaia) e che rendono difficile fino alla fine capire di che film si tratti.
Ancora di più Il Petroliere utilizza tutte tecniche già viste nel cinema di Anderson (macchina da presa instancabile e in continuo movimento, ritmo frenetico, musica onnipresente) ma con meno enfasi. Si passa sempre con lenti zoom o lente carrellate dai totali (riprese in cui i personaggi sono presi tutti quanti assieme al paesaggio) ai particolari. C'è un'attenzione maniacale alla composizione dell'inquadratura e a come la vita di ognuno sia immersa nelle terre in cui abitano. Infatti ad ogni inquadratura ravvicinata nella quale non si scorge l'ambiente ne corrisponde sempre una di più ampio respiro.

Purtroppo però ad un certo punto il film comincia a ripiegarsi su Daniel Day Lewis che con la solita prestazione mostruosa si mangia il film. Verso la fine il fulcro non è più il cinema, la storia o il personaggio ma Daniel Day Lewis stesso, trasfigurato dal personaggio e dai suoi virtuosismi, in un crescendo che culmina nella scena finale nella sala da bowling. Così nonostante sia un ottimo film, all'uscita da Il Petroliere non si può fare a meno di pensare che sia un capolavoro mancato, che "questa volta ci siamo andati veramente vicini".

Menzione particolare per le musiche per archi di Jonny Greenwood dei Radiohead, durante la proiezione ad un certo punto ho dovuto prendere la cartella stampa per leggere di chi diavolo fossero tanto erano sorprendenti. Un misto di classico stile hollywoodiano, trovate hitchcockiane e utilizzo kubrickiano che spero davvero faccia scuola. E datemi torto se ne avete il coraggio!
Posta un commento
Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.