2017/2018

2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

14.5.08

Gomorra (2008)
di Matteo Garrone

POSTATO SU

Matteo Garrone non è mai stato interessato a raccontare storie nel senso più stretto, non è mai stato troppo interessato agli intrecci, alle trame intricate e agli espedienti narrativi classici, lo si è visto in ogni suo film. Ma con Gomorra va oltre.
Il testo di partenza è molto forte e anch'esso poco narrativo in senso canonico, tuttavia Garrone si concentra solo ed esclusivamente sulla messa in scena: è con le immagini e i suoni che vuole parlare dei temi del libro di Saviano. Non spiega niente, nulla. Anche a scapito della comprensibilità di alcune dinamiche. Non ci sono i personaggi in lotta per un destino migliore, non ci sono tentativi di redenzione, non ci sono contrasti. E non è che manchino le dinamiche perchè il testo di partenza non le prevede, semplicemente non ha senso mettere in scena il bene contro il male in un mondo dove di bene non ce n'è.

Come sempre l'attenzione è tutta sui posti (ancora più incredibili del solito) e sugli attori. Attenzione! Non sulla recitazione, ma sugli attori. Sui corpi e sui volti reali più che mai di questa gente. E ancora i suoni iperrealistici, la musica sempre e solo diegetica e comunque poco presente. E' il regno del rumore anempatico, dell'eco delle caverne, tutto freddo e gelido come la fotografia a contrasto forte del solito ottimo Marco Onorato.

Il risultato è un film non facile, anzi per niente facile, ricercatissimo e molto autoriale. Che usa i non attori ma non in omaggio alla tradizione italiana, li usa perchè indispensabili, l'unico che stona (nonostante un personaggio un po' più raffinato) è infatti Servillo, troppo bravo e troppo raffinato in un film di volti e corpi degeneri (benchè diretti magistralmente), meglio a questo punto Maria Nazionale.

Pochi e ben selezionati i referenti. I pezzi in cui i protagonisti imitano Scarface sono trattati come le scene allo specchio di L'Odio e molte situazioni sembrano uscite dai film di Capuano come Vito e Gli Altri o La Guerra di Mario.
Interessantissimo ciò che dice Mereghetti sul corriere
Ci sono spesso delle zone nere che «cancellano » una parte dell'inquadratura in Gomorra.
Gallerie cieche, stanze in penombra, cantine e seminterrati male illuminati, muri e pareti che bloccano la vista, ambienti senza luce: buchi che risucchiano i personaggi e la macchina da presa. Oppure rettangoli che impediscono la visione, come i timbri della censura.
Non si può vedere tutto di quel mondo ci suggeriscono quelle immagini, perché ogni persona è un mondo a sé, risponde a una regola personale.
A questo andrebbero aggiunti anche i molti fuorifuoco (tipici di Garrone) e le macchine da presa attaccate ai volti (da palma d'Oro anche solo la scena in cui la macchina segue il corriere dei soldi in un vicolo stretto e quando questi viene chiamato e si gira essa si stringe al suo volto).

Dunque Gomorra è un film autorialissimo, tutto di zone, sensazioni ed esperienze visive e molto poco di narrazione (le storie sono 4 e verso la fine hanno un po' di intreccio e risoluzione ma sembra quasi una forzatura), un film difficilissimo e durissimo che non risparmia colpi bassi anche se non vuole mostrare tutto. Alle volte Garrone distoglie la macchina da presa alle volte no, non c'è una regola, sembra che anche quello non gli interessi molto, alle volte è più importante un bambino o un dettaglio di una canottiera dell'omicida piuttosto che il colpo di pistola subito in pieno petto.
Mi aspettavo il film degli ultimi 10 anni. Non lo è. Almeno al momento mi pare di no. Ma è comunque grandissimo cinema. Grandissimo.
Posta un commento
Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.