8.10.08

Disaster Movie (id., 2008)
di Jason Friedberg e Aaron Seltzer

Share |

POSTATO SU
La verità è che certi film non andrebbero recensiti, come non si recensiscono certi libri. Che senso ha fare la recensione del libro di barzellette di Totti? E che senso ha parlare sul serio di Disaster Movie o di qualsiasi film di Jason Friedberg e Aaron Seltzer? Il loro pubblico non è quello del cinema, non può esserlo, non sono fatti per loro questi film, che senso ha allora recensirli e dire che non fanno ridere e che sono stupidi e girati male? Sono cose che già sappiamo e che ci aspettiamo.

Ma se i nostri cinepanettoni tentano un'operazione puramente economica che lascia soddisfatto un target molto preciso, viene da chiedersi chi rimanga soddisfatto da tali film. Si tratta di una serie di instant movies che invecchiano nell'arco di una settimana e inseriscono in una sequenza che non ha coerenza riferimenti vaghi all'attualità popolare. Mettono in scena persone mascherate in modo da ricordare figure note e gli tirano delle torte in faccia o gli fanno sbattere la testa nei casi più nobili, oppure nei casi più frequenti li fanno ruttare.

Ma chi può cogliere così tanti riferimenti? Solo in Disaster Movie ci saranno circa una 50ina di richiami diversi tra cinema, televisione e musica. Chi ha visto tanti film tra gli spettatori di Disaster Movie?
Il punto è proprio che in fondo non è necessario averli visti perchè non c'è una reale parodia solo un riferimento ad immagini note. Tutte le scene che riguardano i film richiamano a sequenze dei trailer non a sequenze o parti del film, non tirano in ballo la psicologia dei personaggi ma solo quello che gli si vede fare. Solo l'immagine e lo stereotipo inserito nell'opinione collettiva. In alcuni casi sono scimmiottati anche film che all'epoca della scrittura (!!) e della lavorazione del film non erano nemmeno usciti come Love Guru, Hancock o Zohan. A testimonianza che davvero non è necessario averli visti, basta il trailer tanto ci interessa solo che una persona vestita da Hancock faccia un rutto.

Friedberg e Seltzer spargono nei cinema del mondo (si ho detto "mondo") ben due di queste porcate immonde ogni anno, li girano a budget ridottissimo e senza nessuna cura. Ma non si tratta di mancanza di professionalità, è proprio che non gli interessa avere location particolari o scene girate con accuratezza. Non serve.

E la cosa peggiore, quella che fa davvero arrabbiare è il sospetto più amaro di tutti che viene avendo la sciagurata sfortuna di essere rinchiusi in un qualsiasi luogo davanti a Disaster Movie, cioè che nessuno che lavora nell'industria del cinema possa trovare effettivamente divertenti queste cose. Qui c'è il dolo!
Viene il sospetto che le sceneggiature (!!) siano scritte ad arte per essere così idiote, che si tratti di un'operazione studiata per consolare un pubblico che è il più basso tra quello raccimolabile in televisione (la provenienza televisiva la si intuisce dalla tipologia dei riferimenti), fornendo un'alternativa cinematografica (o in DVD) anche per loro. Un film nel quale è ripetutamente presa in giro e disprezzata con poco umorismo e molto livore la persona vestita come la protagonista di Juno perchè parla in maniera "eccessivamente artificiosa". Un film per consolare chi si sente escluso da un cinema minimamente migliore o che quantomeno ci prova ad esserlo. Per chi non vuole nemmeno provarci ad allargare lo sguardo e disprezza chi lo fa. Almeno il nostro cinema peggiore non infama quello un minimo migliore!

Io a vedere un altro film di questa serie non ci torno. Perchè certi film non andrebbero recensiti. Non serve davvero.

38 commenti:

frankie666 ha detto...

ma che ce vai a fa a volte mi domando io...

gparker ha detto...

sai si chiama lavoro. E' quella cosa attraverso la quale ricevi in dono dei pezzi di carta colorati da scambiare con alimenti in qualsiasi supermercato.

Compatto 2 ha detto...

è giusto che sia così, devi soffrire. E' troppo facile essere pagati per vedere un film che ti piace pure.

gparker ha detto...

si lo so.
Ma sono pagato anche per arrabbiarmi se è il caso.

frankie666 ha detto...

quanto ci hai guadagnato per questo film?

gparker ha detto...

che me fai i conti in tasca? Con il singolo film poco ma ogni film che vedi va ad arricchire la mole di film che hai visto e quindi la tua esperienza, cosa che alla lunga rende ogni tuo pezzo migliore e quindi (in potenza) più di valore.

si parla di anni ovviamente. Ma devi fare il paragone tra uno che ha visto pochi film e uno che ne ha visti tanti, anche tante schifezze, perchè è comunque importante per capire il sistema-cinema e saper dare il giusto posto ad ogni cosa.

Compatto 2 ha detto...

Ma questo film è peggio di...? Sai a quale mi riferisco.
Anche se pure quello della vita dei monaci non è da meno.

gparker ha detto...

si forse è peggio di tutto e di tutti.
Sono novanta minuti che sembrano 3 ore. E non fa mai ridere. MAI! Provi troppe volte senso di vergogna per quello che vedi.

Compatto 2 ha detto...

E' peggio di tutti noi.
Tutti questi film di merda ti stanno fortificando.

frankie666 ha detto...

Io dico semplicemente che il fatto di non aver visto questo film non ti renderà meno ricco, ne nella tua cultura, ne nel tuo portafoglio. Tutto qua.

gparker ha detto...

se questo discorso lo faccio per questo film, per quanti altri lo devo fare?
E ad ogni modo vedere le cose brutte, i veri abissi del cinema fa la differenza. Perchè ti aiuta a contestualizzare tutto il resto.

frankie666 ha detto...

ti cito lo hai definito "non cinema". E concludi la recensione che non andrebbero recensiti

Di conseguenza, non fa parte del tuo target, così come i film dei vanzina. E puoi pure non vederli... E molto semplice.

gparker ha detto...

No non è così semplice. Un conto è dire che non andrebbero recensiti un conto è poi non farlo materialmente e non andarli a vedere. Non nascondo che il prossimo farò di tutto per non vederlo ma poi quello dopo (se ci sarà) lo vedrò. Insomma non posso ignorare una fetta di mercato qualsiasi essa sia. Non esiste solo il cinema-cinema, quello che aspira allo statuto d'opera d'arte, nè esiste solo quello di intrattenimento che mira ad intrattenere con gusto. Esiste anche e soprattutto il brutto e bruttissimo cinema. E non lo si può ignorare perchè è parte di un sistema che non può essere compreso ignorandone dei settori.

frankie666 ha detto...

E allora lo consideri cinema...? Io concordo quando dici che questo non è cinema. Per questo secondo me in quanto critico non hai bisogno di vederlo.

Chiaramente la mia opinione sarebbe Visto uno, visti tutti. Ma non si può applicare ad un critico una cosa simile. O credo ad un qualunque studioso...

gparker ha detto...

Sai quante cose che vedono non sono cinema nel senso che "non hanno significato cinematografico alcuno"? Se smettessi di vedere questi film non ne vedrei un quarto di quelli che escono.

Eppure questi escono e io li debbo vedere anche solo per questo. Anche solo per dire "non è cinema" ma con cognizione di causa.

Strab ha detto...

Ehm sono il signor...Strab, lavoro per...Tizio, le volevo fare le congratulazioni per il blog.

gparker ha detto...

come siamo arrivati a questo punto...........

Iro ha detto...

non ci crederai ma due sere fa è passato il trailer di questo "film" in tv e ho pensato "parker non lo metterà mai nel suo blog", poi però mi son detta "speriamo che lo recensisca lo stesso almeno posso chiedere come si chiama la categoria di questa roba"

ecco...ti sento parlare di film di serie A,B...questo è da intendersi di serie Z? giusto per conoscenza, merci

gparker ha detto...

La serie Z in realtà non esiste è semplicemente il sinonimo di "il peggio immaginabile" e dunque: si, è il peggio immaginabile.

Steve McQueen ha detto...

La serie z è meglio di questo filone parodistico.
Ormai è sempre la solita fuffa.
Byez

Fabio ha detto...

Sì, va bè... sono tutti bravi a fare un film di merda con queste zooparodie. Quello che è difficile è fare un film di merda come Post Impact (che ritorna sempre).

frankie666 ha detto...

occhio mi sa che post impact è roba che piace al compatto...

No aspè quello era Deep Rising... Co sti titoli assurdi mi sbaglio sempre...

gparker ha detto...

io solitamente ho rispetto dei prodotti brutti ma che incassano perchè incassare non è mai facile, se no lo farebbero tutti.
Ma questo giuro che lo potevo scrivere anche io. Davvero. Non lo dico come una frase fatta, ci ho pensato a fondo. Lo potevo fare davvero anche io.

SVVV ha detto...

manco un giorno e guarda che casino che fate.
basta bambiiiiniiii!

gparker ha detto...

ha cominciato lui

frankie666 ha detto...

zitto spia!!!

Compatto 2 ha detto...

Chi ha detto Post Impact? C'è Treat Williams?

Compatto 2 ha detto...

Ah ma ho capito qual'è, è quello ambientato nelle montagne con una meteora che....vabbè non ricordo, ma quello è un film tedesco orribile. Treat Williams non si spreca per queste schifezze e poi il suo contratto richiede almeno un komodo.

Fabio ha detto...

No, questo è Post Impact.

Notare il voto medio e i commenti

"this has to be the best unintentionally funny movie ive ever seen."

Fabio ha detto...

Sì, esatto. Quello lì.

Compatto 2 ha detto...

C'è di peggio, tipo Shark Attack 3 e Apocalypse 10,5 che in Italia si intitola Magnitudo 10.5 per il sempre verde ciclo Alta Tensione.

frankie666 ha detto...

Vabbè io mi inchino.

Compatto 2 ha detto...

Anche se gparker è forse l'unico che ha toccato il fondo con un film davvero ignobile che è Dracula 3000, quando si sarà ripreso spero ne parlerà.

frankie666 ha detto...

cioè non lo hai visto manco te? Non hai visto un film su Dracula?

gparker ha detto...

E' vero poi non l'ho mai postato Dracula 3000.
Che cosa indegna.

Mariolone ha detto...

dracula 3000 dovevi postarlo...cmq per questi film dovresti ispirarti a Disegni...mi ricordo su un ciak fece la descrizione precisa identica di un imprecisato film di natale senza neanche averlo visto...i primi scary movie non erano neanche malaccio...ma qui si sta sconfinando nel patetico...riprenderanno i soldi che ci spendono?

gparker ha detto...

se vai su mymovies e guardi il numero di sale su tutta italia in cui uscirà ti impressioni.

Ad ogni modo non è che incassino tantissimo, il punto è che secondo me costano ancora meno. E' una gara al ribasso.

Mariolone ha detto...

il 7 novembre esce l'album di enya.......ora ho in testa solo quello