4.3.11

Il gioiellino (2011)
di Andrea Molaioli

Share |

POSTATO SU
Il gioiellino del titolo è la Leda, azienda del settore latticino-alimentare a gestione familiare con sede nel nord Italia. Una società gestita dal patron e che dal paesino, in 30 anni, è andata alla conquista di molti mercati mondiali, che possiede anche la squadra di calcio locale e soprattutto nasconde i buchi di bilancio e le difficoltà di profitto con creatività finanziaria. La Leda insomma è la Parmalat anche se non esattamente, nel senso che le differenze con la realtà sono molte e anche la storia di come l'azienda sia cresciuta fino a scoppiare sotto il peso delle proprie falsità non segue pedissequamente quella dell'azienda di Tanzi. Però da quelle parti siamo.

Molaioli prende uno dei fatti più importanti della nostra storia nazionale degli ultimi anni e tenta la difficile impresa di raccontare il presente a partire dal passato (la vicenda inizia negli anni '80 e finisce nel 2003), si vuole concentrare su alcuni personaggi cardine dal patron cattolico, perbenista e provinciale anche nelle aspirazioni, al contabile di fiducia irritabile e arrogante, ma alla fine crolla sotto il peso delle sue ambizioni.
Il gioiellino è un film che scorre liscio ma senza sapore. Ci sono diverse incongruenze (in almeno 20 anni nessuno invecchia, gli oggetti tecnologici non sono sempre in linea con gli anni indicati) ma non è tanto lì il problema, quanto nella costante pretesa che il racconto della realtà con qualche ammiccamento, qualche levigata (non si nomina mai il fantomatico presidente del Consiglio alle cui barzellette è meglio ridere) e una storia d'amore tipica per il genere (solitudini che si incontrano) basti per operare l'operazione durissima di mettere in scena un evento complesso che ha forti ripercussioni sul presente (come indica il cartello finale).

A tutto questo si aggiunge il "problema Servillo". Se nessuno infatti nega la bravura immensa di questo attore stranamente esploso tardi, è anche doveroso ammettere come spesso se non è ben gestito, tenuto a bada e indirizzato nuoccia al film. Servillo tende al servilleggiamento, cioè all'imitazione di se stesso, alla cristallizzazione in due tre espressioni tipiche, forti e molto fascinose che fanno emergere l'attore sul personaggio. Quando non è diretto da registi violenti, audaci e dalla mano pesante come Sorrentino, Servillo tende a prendere il sopravvento, affascinando il pubblico con il suo volto e i suoi occhi a mezz'asta ma non servendo la storia.
Se non si sta attenti Servillo può rubare la scena con la sola presenza e può farlo lungo tutto il film, di fatto diventandone il centro invece che il motore. Ed è purtroppo quel che accade anche in Il gioiellino.

5 commenti:

Anonimo ha detto...

E se pure questo non va bene, allora è meglio che perdiamo veramente le speranze nel nostro cinema. Nel senso che questa settimana escono tre film italiani, di cui due manco mi voglio sprecare a riscrivere i titoli, e questo era quello che mi ispirava maggiormente. Anche perché mi è piaciuto molto La ragazza del lago di Molaioli e adoro Servillo, che rubi la scena o meno. Spero di non rimanere delusa a questo punto.

Ale55andra

alp ha detto...

Non ho visto il film ma condivido pienamente le osservazioni sul problema servillo al cinema

gparker ha detto...

ale55andra: a me la ragazza del lago proprio non era piaciuto e non penso che le speranze del cinema italiano stiano in mano a molaioli. Se devo scegliere tra i film di questa settimana mi sembra che La vita facile, pur non essendo un capolavoro, sia un film di medio livello molto riuscito, una commedia che sembra scontata e invece riserva qualche sorpresa.

alp: Amen!

Anonimo ha detto...

Ovvio che la speranza del cinema italiano non è Molaioli, però ritenendolo un regista un po' fuori dalle logiche che governano il nostro cinema, mi sembrava uno su cui puntare.

Ale55andra

gparker ha detto...

non lo so, a me non sembra fuori da queste logiche. Anzi. Mi sembra il tipico regista "da cinema italiano".